Vaccino anti-influenzale, Agenzia farmaco: 11 morti sospette

1' di lettura

Nuove segnalazioni di decessi dopo l'assunzione del Fluad sono giunte all'Aifa. Il direttore Pani a Sky TG24: "Risultati delle analisi entro 7-10 giorni". Ricciardi (Iss): "Difficile ipotizzare contaminazione". Aperte tre inchieste

Sono almeno undici le segnalazioni giunte all'Aifa per decessi di anziani dopo l'assunzione del vaccino antinfluenzale Fluad. Lo conferma la stessa Agenzia precisando che al momento non è però possibile stabilire una relazione diretta tra vaccinazione e decessi. A titolo precauzionale, l'Agenzia italiana del farmaco ha bloccato la vendita di due lotti: il 142701 e il 143301 anche se alcune delle persone decedute potrebbero aver usato vaccini da altri lotti

Undici segnalazioni di decessi - Alle tre morti sospette comunicate il 27 novembre (due a Siracusa e una a Termoli) si aggiungono dunque altri otto casi. Tra di loro si sono un uomo di 80 anni di Prato deceduto giovedì, una donna di 84 anni di Martano (Lecce), affetta dal morbo di Parkinson e diabetica deceduta il 24 novembre scorso (tre giorni dopo la somministrazione del vaccino antinfluenzale Fluad), una donna di 92 anni e un uomo di 77 anni a Roma e un 80enne di Parma, affetto da una grave patologia cronica, deceduto 48 ore dopo l'assunzione del farmaco. In quest'ultimo caso, va sottolineato che il vaccino usato non farebbe parte dei due lotti bloccati dall'Agenzia del farmaco. All'Aifa sarebbero inoltre arrivate altre tre segnalazioniA questi casi si sommerebbe poi quello di un anziano morto a Como. La Asl ha però precisato che il paziente aveva già un quadro clinico definito 'complesso'.

Aifa: "Aumento segnalazioni può dipendere da eco mediatica" - "Si tratta di dosi - si legge in una nota dell'Aifa - che appartengono sia ai lotti che ieri sono stati oggetto del provvedimento Aifa di divieto di utilizzo, sia ad altri lotti. Complessivamente, quindi, le segnalazioni sono al momento 11 su oltre 4 milioni di dosi autorizzate alla commercializzazione. L'Agenzia sta acquisendo tutti gli elementi necessari per verificare caso per caso le segnalazioni pervenute. Al momento non è possibile affermare che vi sia una relazione diretta fra la somministrazione del vaccino e le morti riportate, in quanto sono necessarie informazioni più complete e deve essere condotta un'analisi accurata dei casi". L'Aifa ritiene "sia possibile che l'aumento repentino delle segnalazioni di eventi verificatisi diversi giorni fa possa essere in parte ricondotto all'impatto mediatico di tali notizie sulla popolazione e all'acuita sensibilità stimolata nei cittadini e negli operatori sanitari". L'Agenzia sta acquisendo gli elementi necessari per valutare un eventuale nesso di causalità".

Analisi sui lotti sospetti -  I primi risultati delle analisi sui lotti incriminati "saranno pronti entro una settimana, dieci giorni'' ha affermato a Sky TG24 il direttore generale dell'Aifa, Luca Pani, spiegando inoltre che "i due Lotti non sono andati in nessuna farmacia territoriale, sono stati distribuiti alle Asl".

Ricciardi (Iss): "Difficile ipotizzare contaminazione" - In attesa dei risultati delle analisi tende a escludere il legame tra vaccini e decessi il commissario straordinario dell'Istituto superiore di sanità (Iss), Walter Ricciardi: ''Penso che i decessi segnalati di 5 anziani che avevano effettuato la vaccinazione antinfluenzale con il vaccino Fluad, siano dovuti alle patologie precedenti da cui erano affetti". "E' difficile - continua - ipotizzare che ci possa essere un guasto o contaminazione. Ciò anche perché lo stabilimento di Siena della Novartis produce questo vaccino destinato a vari Paesi del mondo e, in caso di contaminazione, avremmo dovuto avere segnalazioni anche da altri Paesi''.

Inchieste in tre procure
- La Procura di Siena ha aperto un'inchiesta sulla vicenda ma non ci sarebbero iscritti nel registro degli indagati. A Siena infatti, negli stabilimenti Novartis, sono stati prodotti i vaccini bloccati dall'Aifa. Anche le procura di Prato e di Siracusa hanno aperto un'indagine per i decessi avvenuti nei rispettivi territori di competenza.

Leggi tutto