De Magistris torna sindaco, il Tar invia atti alla Procura

1' di lettura

L'ex magistrato era stato sospeso in ottemperanza alla legge Severino e a seguito della condanna in primo grado nel processo Why not. "E' un bel giorno" dice a Sky TG24. E aggiunge: "Sono sempre stato un sindaco di strada"

Un fitto via vai di assessori, consiglieri, dirigenti comunali al secondo piano di Palazzo San Giacomo dove si trova l'ufficio del sindaco di Napoli. Luigi de Magistris è infatti tornato a pieno nelle sue funzioni. "E' un bel giorno - commenta l'ex magistrato ai microfoni di Sky TG24 - Ma io sono sempre stato un sindaco di strada". E precisa: "La mia vicenda è surreale" (le parole del sindaco - VIDEO).

De Magistris torna sindaco - La prima sezione del Tar della Campania ha annullato il provvedimento del Prefetto di Napoli Francesco Antonio Musolino che, in ottemperanza alla legge Severino, aveva sollevato il primo cittadino dalle sue funzioni. I giudici hanno dunque deciso di inviare gli atti alla Corte Costituzionale per questioni di legittimità rispetto ai due articoli 10 e 11 del decreto legislativo.

Dalla condanna al provvedimento - De Magistris era stato sospeso il primo ottobre scorso dal prefetto della città dopo la notifica della condanna da parte del tribunale di Roma a un anno e tre mesi per abuso di ufficio. L'accusa riguarda l'acquisizione da parte di De Magistris e del suo consulente Gioacchino Genchi di centinaia di tabulati telefonici di diversi parlamentari nell'ambito delle inchieste "Why Not" e "Poseidone" su presunti casi di corruzione in Calabria, ma senza averne richiesto l'autorizzazione preventiva dalla Camera di appartenenza.

Leggi tutto