Nordio a Sky TG24: madre corruzione è il delirio legislativo

1' di lettura

Il procuratore aggiunto di Venezia ospite dell’Intervista: "La norma sul rientro dei capitali? Un utile compromesso ma è sempre una resa dello Stato". E sui soldi dei patteggiamenti dell’inchiesta sul Mose: "Noi non abbiamo il potere di gestirli". VIDEO

"La corruzione ha molti padri, tra cui l'avidità umana, ma ha una madre sola, il delirio del legislatore che ha prodotto leggi complicate che sembrano fatte apposta per incitare chi deve amministrarle a farsi corrompere". Parola di Carlo Nordio. Il procuratore aggiunto di Venezia è stato l’ospite dell’Intervista, l’approfondimento di Sky TG24 condotto ogni domenica da Maria Latella.
Dall'inchiesta Mose alla recente maxi-udienza che ha accolto il patteggiamento delle pene per 19 indagati. Ma anche corruzione ed evasione anche alla luce della norma appena approvata sulla voluntary disclosure. Questi i temi trattati nel corso dell’intervista (QUI L'INTEGRALE).

"Rientro capitali? Utile, ma è resa dello Stato" - Sulla norma sul rientro dei capitali, la cosiddetta voluntary disclosure, il procuratore Nordio ha osservato: “E’ un utile compromesso per implementare le finanze dello Stato, ma certamente è sempre una resa dello Stato perché ancora una volta si arrende a chi esporta capitali all'estero".  Secondo Nordio "le leggi penali non servono perché i capitali vanno dove gli investimenti rendono di più e dove ci sono più garanzie e allora bisogna creare quelle condizioni e i capitali non scapperanno più".



"Mose, non possiamo sbloccare soldi sequestrati" - Per quanto riguarda l’inchiesta Mose, il procuratore Nordio ha parlato anche dei 12 milioni di euro che con i patteggiamentI lo Stato andrà ad incassare: “Noi abbiamo il potere di riscossione ma non quello di gestione. Vengono buttati nel mare magnum degli introiti pubblici e magari vengono destinati ad alter cose. Una delle riforme utili sarebbe quella di dare autonomia patrimoniale agli uffici giudiziari in modo da poter gestire le riserve che hanno acquisito”.


Leggi tutto