Stato-Mafia, no a Riina e Bagarella a deposizione Napolitano

1' di lettura

La Corte d'Assise di Palermo ha rigettato le richieste degli imputati, che avevano espresso la volontà di partecipare in videoconferenza all'audizione del Capo dello Stato. Esclusa anche la presenza di Mancino. M5S: Parlamento assista a testimonianza

Totò Riina e Leoluca Bagarella non potranno assistere alla deposizione al Quirinale del Capo dello Stato Giorgio Napolitano, nell'ambito del processo sulla trattativa Stato-Mafia, fissata al Quirinale per il 28 ottobre. Questa la decisione della Corte d'Assise di Palermo, presieduta da Alfredo Montalto, che ha escluso anche la partecipazione di un altro imputato, Nicola Mancino.

Immunità per il Colle - La Corte spiega che la Costituzione riconosce al Quirinale una immunità che di per sé impedisce la presenza degli imputati alla deposizione del capo dello Stato al processo sulla trattativa Stato-Mafia (tappe processo e testimoni chiave).

Imputati esclusi dall'audizione di Napolitano - Secondo i giudici, l'esclusione della presenza degli imputati alla deposizione non lede il diritto di difesa e "non appare contrastare con le norme costituzionali ed europee", come ha detto Montalto leggendo nell'aula bunker dell'Ucciardone di Palermo l'ordinanza.

M5S: Parlamento assista a deposizione - Intanto dal M5S arriva la richiesta che siano le stesse Camere ad assistere alla deposizione. "In qualità di componente del M5S, principale forza di opposizione, chiedo che l'intero Parlamento, Camera e Senato, possa partecipare, il 28 ottobre, all'audizione del Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, in occasione della trattativa Stato-Mafia" ha dichiarato il deputato M5S Angelo Tofalo, componente del Copasir.

Guzzanti: "Solidarietà ai boss" - La decisione della Corte, ha avuto uno strascico di polemiche, in Rete, in seguito a un tweet di Sabina Guzzanti in cui l'attrice e regista esprimeva "solidarietà" ai due boss, "privati di un loro diritto". Alla sue parole ha replicato, con un tweet, anche il presidente del pd Orfini


Leggi tutto