Campania, sequestrate banconote false per 17 milioni di euro

1' di lettura

Operazione della Finanza a Marcianise, Caserta. In manette un uomo incensurato. I biglietti, del taglio di 50 euro, erano pronti per essere immessi nel mercato nazionale e comunitario. Dalla regione il 50% dei soldi contraffatti che circolano in Eurozona

Maxi sequestro di banconote contraffatte in Campania. I finanzieri della Compagnia di Marcianise, in provincia di Caserta, hanno sequestrato oltre 17 milioni di euro falsi. Le banconote, tutte del taglio di 50 euro, erano di ottima fattura e pronte per essere illecitamente immesse sul mercato. Nell’operazione è stato arrestato un uomo di origini campane, senza precedenti. L'accusa per lui è di “falsificazione di moneta, spendita e introduzione nello Stato di monete falsificate”.

Banconote nascoste in un furgone tra articoli cancelleria - Ad insospettire i militari erano state alcune strane manovre dell’uomo nel parcheggio di un noto centro commerciale di Marcianise. I finanzieri, in particolare, lo hanno notato mentre trasferiva frettolosamente dei contenitori da un veicolo di una società di spedizioni al suo furgone. Sul mezzo i finanzieri hanno trovato, nascosti tra materiali di cancelleria, le banconote confezionate in 15 colli.

Biglietti destinati anche al mercato comunitario - Secondo le Fiamme gialle, le banconote sequestrate “riproducevano con ottima fattura le originali ed erano assolutamente idonee a trarre in inganno la generalità dei consumatori in virtù della buona imitazione della filigrana, del filo di sicurezza e degli ologrammi”. I biglietti, probabilmente, erano destinati non solo al mercato nazionale ma anche a quello comunitario. La Campania, infatti, sforna il 50 per cento delle banconote false che circolano nell’Eurozona. Le indagini, ora, proseguono per cercare di risalire ai canali attraverso i quali i 50 euro falsi sarebbero stati immessi in circolazione.

Leggi tutto