Morte dell’orsa Daniza, gli animalisti: Galletti si dimetta

1' di lettura

La Forestale ha aperto un'indagine. Sui social network rabbia e commozione per l'uccisione dell'animale da parte di centinaia di utenti, personaggi dello spettacolo e politici. Grillo: #giustiziaperdaniza. Tweet, video e foto raccolti in uno STORIFY

Rabbia, indignazione e persino boicottaggi. Molti utenti hanno reagito così sui social network alla morte di Daniza, l'orso che in agosto aveva attaccato un uomo per difendere i suoi cuccioli.
Il ministro dell'Ambiente Galletti intanto ha chiesto chiarimenti alla Provincia autonoma di Trento e la Forestale ha aperto un'indagine ipotizzando i reati di maltrattamento di animali e uccisione senza motivo reale dell'animale.
Il presidente della Provincia Rossi riferisce che già in passato l'orsa era stata sottoposta ad anestesia e che la cattura è avvenuta "in totale aderenza ai protocolli giuridici e medici".

Per tanti però l'uccisione dell'animale, che non avrebbe retto al narcotico utilizzato per catturarla, è un atto che richiede giustizia e assunzione di responsabilità da parte delle istituzioni. Le associazioni ambientaliste protestano e chiedono chiarezza. "Se un ministro dell'Ambiente non sa proteggere un'orsa che stava difendendo i suoi piccoli, noi ne chiediamo le dimissioni", sostiene l'Enpa (Ente Nazionale Protezione Animali).

Tra i primi ad unirsi al coro delle proteste la cantante Giorgia e lo scrittore Mauro Corona. Anche molti politici, a partire da Beppe Grillo, hanno manifestato disapprovazione per l'accaduto. C'è però anche chi invita a moderare i toni della protesta. Ecco video, foto e tweet raccolti in uno storify.

GUARDA LO STORIFY


Leggi tutto