Sbarchi, nuova tragedia. Alfano: Ue prenda in mano questione

1' di lettura

Gommone naufragato sud di Lampedusa: 18 morti. Soccorritori a Sky TG24: "Situazione drammatica". Il ministro: se non interviene Europa, "Italia adotterà proprie decisioni". Commissione: "Scioccati". E annuncia incontro Malmstroem-Viminale

Nuova tragedia nel Mediterraneo (lo speciale). La Marina Militare ha recuperato a sud di Lampedusa i cadaveri di 18 migranti, tutti uomini, che erano a bordo di un gommone. Sull'imbarcazione altre 73 persone che sono state salvate. Una tragedia che arriva il giorno dopo il naufragio di un'altra imbarcazione al largo delle coste libiche. Una ventina di corpi sono stati recuperati mentre potrebbero essere oltre 250, secondo gli ultimi aggiornamenti, le persone che hanno perso la vita. Proprio la Libia è sempre più nel caos dopo che i “filo-islamici” hanno annunciato la conquista dell'aeroporto (VIDEO).

Ci sarà incontro tra Malmstroem e Alfano - Dopo l’ennesimo naufragio, è intervenuta la Commissione Ue: si è detta “scioccata da queste nuove tragedie del mare” e ha detto "grazie all'Italia" per “gli enormi sforzi messi in atto per assistere e salvare migliaia di migranti negli ultimi giorni". Bruxelles "resta impegnata ad aiutare" il nostro Paese e ha annunciato che la commissaria Ue agli Affari interni Malmstroem "incontrerà la prossima settimana" il ministro Angelino Alfano "per meglio definire le priorità e fornire assistenza" all'Italia sul fronte immigrazione. Il titolare del Viminale, su Twitter, ha scritto che "l'Italia dovrà adottare le proprie decisioni" se l'Europa non prenderà in mano la questione immigrazione.

La tragedia a sud di Lampedusa - "Abbiamo trovato una situazione drammatica perché il gommone era semi affondato e con delle persone in acqua", ha detto a Sky TG24 il comandante della nave Siria, che ha prestato i soccorsi all'imbarcazione a sud di Lampedusa. "Il nostro elicottero - ha continuato - ha provveduto al lancio di zattere di salvataggio" (VIDEO). Gli uomini della Marina l'hanno raggiunta, hanno tratto in salvo 73 migranti e scoperto che a bordo c'erano anche 18 cadaveri. In tutto sono oltre 3.500 gli uomini, le donne e i bambini salvati da venerdì nel canale di Sicilia dai mezzi della Marina Militare, della Guardia Costiera e dalle imbarcazioni civili (tutte le foto sull'emergenza - i video). 

Oltre 1300 migranti arrivati in Calabria –
Ed è arrivata nel porto di Reggio Calabria la nave militare Virginio Fasan con a bordo 1.373 immigrati soccorsi nei giorni scorsi nel Canale di Sicilia nell'ambito dell'operazione Mare Nostrum. A bordo dell'unità c'è anche il cadavere di un eritreo che è stato trovato già morto su un barcone sul quale viaggiava insieme ad un gruppo di connazionali. Il gruppo di immigrati è composto da 1.014 uomini, 200 donne e 159 minori.

Leggi tutto