Tavecchio: "Nemmeno assassino Kennedy trattato come me"

1' di lettura

In un'intervista, il candidato alla guida della Figc si è paragonato a Lee Oswald, senza considerare che l'uomo arrestato per l'omicidio di Jfk venne ucciso 2 giorni dopo. Chiellini: "E' Albertini la persona giusta per cambiare il calcio italiano". VIDEO

Nuova gaffe per Carlo Tavecchio. Il presidente della Lega Nazionale Dilettanti, candidato alla guida della Figc, finito al centro di polemiche per l'infelice uscita sui "mangiabanane" si è lasciato andare, ai microfoni di RadioUno, ad uno sfogo in cui ha affermato: "L'assassino di John Kennedy non ha subito quello che ha subito il sottoscritto".
Senza considerare però che Lee Harwey Oswald, l'uomo che venne arrestato poche ore dopo l'assassinio del 35esimo presidente degli Stati Uniti a Dallas il 22 novembre 1963,  trascorse solo due giorni in cella per poi essere ucciso, nel trasferimento in carcere, con un colpo a bruciapelo da Jack Ruby. Delitto immortalato dalle telecamere dei tg e che ha fatto il giro di tutto il mondo.

Il nuovo scivolone dopo che anche due calciatori come Chiellini e De Rossi hanno preso posizione contro la candidatura di Tavecchio. "Demetrio Albertini è la persona giusta" per cambiare il calcio italiano" ha affermato lo juventino Chiellini, dicendo di essere rimasto "sconcertato" dalle parole per cui Tavecchio è finito nella bufera. Netto anche il giocatore della Roma De Rossi: "In America, Francia e Inghilterra per cose così dopo un giorno ti fanno dimettere".

Leggi tutto