Yara, primo incontro in carcere tra Bossetti e i genitori

1' di lettura

"La famiglia è entrata unita ed è uscita unita. E crede nell’innocenza del figlio". Così l’avvocato della mamma dell’uomo detenuto a Bergamo con l’accusa di aver ucciso la 13enne di Brembate. Nessuna indiscrezione sui contenuti della visita. VIDEO

“L’incontro è durato un’ora e mezza. La famiglia è entrata unita ed è uscita unita. E crede nell’innocenza del figlio. C’è stata commozione. Nessun momento di tensione”. Lo ha detto l’avvocato Benedetto Maria Bonomo uscendo dal carcere di Bergamo dove stamattina la madre di Bossetti, sua assistita, ha incontrato il figlio Massimo Giuseppe Bossetti, il muratore arrestato il 16 giugno con l’accusa di aver ucciso Yara Gambirasio. Insieme alla donna c’era anche il marito e l’altra figlia, Laura Bossetti, sorella gemella del presunto assassino e pure lei, secondo la scienza, figlia naturale dell'autista di Gorno Giuseppe Guerinoni, morto nel 1999.
Nessuna indiscrezione sul contenuto dell'incontro, al quale hanno partecipato anche i legali di Bossetti, gli avvocati Silvia Gazzetti e Claudio Salvagni.

Leggi tutto