La Concordia è ormeggiata a Genova. Renzi: "Grazie a tutti"

1' di lettura

Terminata la messa in sicurezza del relitto nel porto, finisce l'ultimo viaggio della nave naufragata al Giglio nel 2012. Gabrielli: "Missione compiuta". Sloane: "Sfida difficile ma team eccezionale". Premier: "Non è giorno da lieto fine"

È finito l'ultimo viaggio della Costa Concordia. Il relitto della nave naufragata davanti al Giglio nel 2012 è ormeggiato nel porto di Genova. Nonostante il forte vento, l'operazione si è svolta in modo regolare. "È andato tutto bene. Sono molto contento", ha detto Nick Sloane subito dopo la fine delle operazioni, prima di aggiungere: "Una sfida difficile affrontata da un team eccezionale". "Missione compiuta, non è più ora della scaramanzia", ha commentato il capo della Protezione Civile, Franco Gabrielli. A Genova  anche il premier Matteo Renzi. "Non festeggiamo, ma oggi va detto grazie", ha detto.

L'ingresso in porto e la fine delle operazioni - Le operazioni preliminari per l'ingresso della Concordia nel porto di Pra' Voltri sono iniziate all'alba di domenica. I piloti del porto sono saliti a bordo della nave intorno alle 6. Uno dei due rimorchiatori oceanici che ha trainato la Concordia dall'Isola del Giglio sino a Genova, il Resolve Earl, si è staccato dal relitto mentre il primo dei rimorchiatori del porto si è agganciato a poppa. In un secondo momento si è staccato anche l'altro rimorchiatore oceanico, mentre il rimorchiatore del porto di Genova più potente, il Messico, ha agganciato a prua la Concordia.
Intorno alle 11.40 il relitto ha cominciato ad entrare, di poppa, nel bacino di Prà-Voltri, all'interno dello spazio acqueo protetto dalla diga foranea. Poi le ultime operazioni: l'ormeggio, iniziato poco dopo le 14 e terminato intorno alle 17, e la messa in sicurezza. I tecnici, per finire, hanno posizionato le panne antinquinamento di profondità attorno al relitto, concludendo così tutte le fasi. Solo a quel punto Nick Sloane, regista dell'operazione, è sceso dalla Concordia.

Il passaggio di proprietà della nave - La nave era naufragata davanti all'Isola del Giglio il 13 gennaio del 2012 causando la morte di 32 persone (LO SPECIALE - LA FOTOSTORIA). Dopo l'arrivo a Genova del relitto è stato firmato l'atto notarile che sancisce il trasferimento della proprietà della Concordia da Costa Crociere al raggruppamento Saipem-San Giorgio del porto.
L'atto prevede che la vendita sia effettuata allo scopo specifico della demolizione e del riciclo, secondo gli accordi e le prescrizioni concordate con le autorità e con il ministero dell'Ambiente.

LA CRONACA DELLA GIORNATA

Leggi tutto