Camorra, guerra fra clan con omicidi: 17 fermi in Campania

1' di lettura

Le accuse per gli arrestati sono associazione di tipo mafioso, porto abusivo di arma da fuoco ed estorsione, aggravati dalle finalità mafiose. Secondo le indagini il gruppo si stava estendendo dopo una scissione che ha causato un conflitto interno

Sono 17 gli esponenti del clan di Camorra “Moccia” finiti nel mirino di un'operazione congiunta di polizia e carabinieri nel Napoletano. I fermati sono indiziati d'associazione di tipo mafioso, porto abusivo di arma da fuoco ed estorsione, aggravati dalle finalità mafiose.

La guerra fra clan - Secondo le indagini, coordinate dalla Dda di Napoli, il gruppo si stava estendendo dal rione Salicelle di Afragola, a Casoria, Caivano, Crispano e Cardito, dopo una scissione che ha causato un conflitto interno al gruppo con alcuni omicidi. All'operazione, scattata all'alba, partecipano i carabinieri del Nucleo investigativo di Castello di Cisterna e gli agenti della Squadra mobile di Napoli. Il decreto di fermo è stato emesso dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli al termine di indagini congiunte di Polizia e Carabinieri sul gruppo criminale.

Leggi tutto