Naufraga gommone, testimoni: "Ci sono 70 dispersi"

1' di lettura

Alcuni profughi sbarcati nelle ore scorse in Sicilia hanno denunciato la scomparsa di decine di persone in mare. Cresce il bilancio delle vittime del naufragio a Pozzallo. Intanto, oltre duecento immigrati sono arrivati a Porto Empedocle

Circa 70 migranti sarebbero dispersi dopo il naufragio di un gommone avvenuto nei giorni scorsi nel Canale di Sicilia. Lo hanno raccontato 27 profughi che sono giunti a Catania tra i 395 stranieri a bordo della nave "Orione" della Marina militare.

Naufragio di Pozzallo, arrestati due presunti scafisti - Le loro dichiarazioni sono state raccolte da operatori dell'Unhcr presenti in Sicilia, che hanno informato la Procura della Repubblica di Catania. E' stata aperta un'inchiesta, e le necessarie verifiche sono state affidate dai magistrati alla Squadra mobile e alla Capitaneria di porto di Catania.
Non è l'unica novità sul fronte investigativo: la squadra mobile di Ragusa ha arrestato i due presunti scafisti, rispettivamente un senegalese e un gambiano di 22 e 30 anni, del 'peschereccio della morte' arrivato nelle ore scorse a Pozzallo, nel ragusano, il cui bilancio è cresciuto arrivando a 45 cadaveri a bordo.

215 immigrati arrivano a Pozzallo - Intanto, non si ferma l'ondata di sbarchi: un altro gruppo di 215 immigrati è sbarcato, dopo essere stato soccorso dal mercantile "Asso 25", al porto di Porto Empedocle. I migranti sono stati portati a Siculiana.

Leggi tutto