Maturità: mezzo milione di studenti ai blocchi di partenza

Un momento degli esami di maturità in una foto d'archivio
1' di lettura

Mercoledì 18 giugno inizia l'esame con la prova di italiano, uguale per tutti i circa 490 mila candidati. Il giorno successivo il secondo scritto. Lunedì 23 tocca al "quizzone". Il Ministero rassicura su Twitter: "Tracce in linea con i programmi"

Ultime ore di studio per circa 490 mila studenti prima dell'inizio dell'esame di maturità.

Il calendario degli scritti -
Si parte mercoledì 18 giugno con la prova di italiano che sarà per tutti i candidati la stessa. Consueto anche il ventaglio di scelte: analisi di un testo letterario, scrittura di un saggio breve o di un articolo di giornale (questi due nei diversi ambiti di riferimento e dunque storico-politico, socio-economico, artistico-letterario, tecnico-scientifico), il tema di argomento storico o di attualità.

La seconda prova e il quizzone - Il giorno successivo, giovedì 19, toccherà al secondo scritto, specifico per l'indirizzo frequentato. Al Classico è stata rispettata l'alternanza fra latino e greco e quindi quest'anno i ragazzi dovranno cimentarsi con il greco. Poche sorprese allo Scientifico e al Linguistico: gli studenti del primo dovranno affrontare la prova di Matematica, quelli del secondo una lingua straniera. Per gli Istituti tecnici e professionali sono state scelte materie che, oltre a caratterizzare i diversi indirizzi di studio, hanno una dimensione tecnico-pratico-laboratoriale. Il terzo e ultimo scritto, preparato dalle singole commissioni d'esame e meglio noto come il quizzone, è in calendario per lunedì 23 giugno.

L'operazione plico telematico - L'operazione "plico telematico", intanto, è già partita e oltre il 50% delle scuole ha “scaricato” le tracce che tuttavia restano criptate. Saranno visibili soltanto mercoledì perché la chiave per 'leggerle' è doppia: una per ogni commissione e l'altra, la cosiddetta "chiave-ministero", sarà fornita da viale Trastevere soltanto la mattina stessa della prova. Tracce che quest'anno hanno viaggiato su un server parallelo a scopo precauzionale. Soprattutto dopo i problemi accusati nei giorni scorsi dal portale Sidi, il "cervellone" che normalmente gestisce esami di Maturità, trasferimenti e organici.

Scritto e orale: come funziona il punteggio -
Ciascuna commissione d'esame stabilisce poi autonomamente il diario delle operazioni per la correzione e la valutazione delle prove scritte e definisce la data di inizio dei colloqui (il numero dei candidati che sostengono il colloquio, per ogni giorno, non può essere di norma superiore a cinque). La commissione dispone di 45 punti per la valutazione delle prove scritte, ripartiti in parti uguali tra le tre prove: a ciascuna delle prove scritte giudicata sufficiente non può essere attribuito un punteggio inferiore a 10. Per la valutazione del colloquio sono 30 i punti a disposizione: all'orale giudicato sufficiente non può essere attribuito un punteggio inferiore a 20. Per superare l'esame di Stato è sufficiente un punteggio minimo complessivo di 60/100.

Leggi tutto