Madre e i suoi 2 figli uccisi in casa nel Milanese

1' di lettura

Una donna di 38 anni e i suoi piccoli, una bambina di 5 anni e un bimbo di 20 mesi, sono stati trovati morti nella loro abitazione a Motta Visconti. Il marito e padre delle vittime stava guardando la partita da amici: al rientro ha dato l’allarme

Una donna di 38 anni e i suoi due figli, una bambina di 5 anni e un maschietto di 20 mesi, sono stati trovati morti nella loro casa a Motta Visconti, in provincia di Milano (MAPPA). È successo nella notte tra sabato 14 e domenica 15 giugno. A dare l’allarme il marito e padre delle vittime, che ha raccontato di aver scoperto i cadaveri quando è rientrato dopo aver visto la partita dell’Italia da amici. L’uomo, un professionista di 31 anni, è stato ascoltato dai carabinieri. I corpi delle tre vittime hanno ferite d’arma bianca al collo, compatibili con uno sgozzamento. L'arma del delitto non è stata trovata.

La casa in cui vivevano si trova in una zona residenziale di villette nella periferia del paese. "E' da tempo che assistiamo a una escalation di reati a Motta Visconti, soprattutto furti in abitazioni", ha commentato a caldo Primo De Giuli, sindaco della cittadina, che lancia l'allarme sulla questione sicurezza. "Specialmente nelle villette - ha detto - è un continuo di furti". Dalle prime indiscrezioni, però, sembra che alcuni particolari (ad esempio il fatto che sia stato ucciso anche il bimbo più piccolo, incapace di testimoniare) spingano gli investigatori lontano dalla pista di una rapina finita male. Sarebbe ritenuta più plausibile, invece, l'ipotesi di una tragedia famigliare.

Leggi tutto