Esplosione a Foggia, stabili le condizioni dei feriti

Stazionarie le condizioni dei feriti nel crollo avvenuto in una palazzina di via De Amicis a Foggia (Credits: Fotogramma)
1' di lettura

In ripresa il bambino di quasi tre anni, estratto dalle macerie della palazzina sventrata da una fuga di gas. Disposta dal pm l'autopsia sui corpi delle due vittime. Lutto cittadino venerdì in occasione dei funerali

Ha trascorso una notte tranquilla il bimbo di tre anni rimasto ferito nella violenta esplosione che ha colpito nella notte tra lunedì 2 e martedì 3 giugno un edificio di Foggia (FOTO). Nel crollo della palazzina sono morti i suoi genitori. La famiglia si era trasferita da appena due mesi, come racconta ai microfoni di Sky TG24 la sorella di una delle vittima (VIDEO).
"Il bambino - spiegano i sanitari - reagisce bene, sta meglio ed ha superato lo stato di agitazione. A fargli compagnia ci sono i nonni ed una zia".

Gli altri feriti - Buone anche le condizioni degli altri due coniugi feriti: l'uomo lamenta contusioni leggere, la donna lievi problemi alla schiena a causa dei quali sarà sottoposta a un intervento di routine. Più gravi, ma stazionarie, le condizioni dell'85enne che ha causato lo scoppio lasciando aperto un fornello nella sua abitazione: è ricoverato in rianimazione in coma farmacologico agli Ospedali Riuniti. Il sindaco di Foggia, Gianni Mongelli e il prefetto, Luisa Latella, si sono recati in ospedale per far visita ai feriti.

Disposta l’autopsia delle salme: funerali e lutto cittadino –
Intanto, il pm del tribunale di Foggia, Alessandra Fini, ha disposto l'autopsia sui corpi dei coniugi morti nel crollo. I funerali si terranno probabilmente venerdì 6 giugno, in occasione dei quali il primo cittadino proclamerà il lutto cittadino. La Procura ha aperto un fascicolo contro ignoti per stabilire le cause dell’esplosione e del relativo crollo prima di accertare eventuali responsabilità.

Leggi tutto