Mozzarella di bufala adulterata, 13 arresti nel Casertano

1' di lettura

Sono 13 le misure cautelari nei confronti di imprenditori, veterinari e biologi, accusati di associazione per delinquere finalizzata alle sofisticazioni alimentari. Il comandante dei carabinieri Pannone: "Usavano anche latte vaccino e additivi"

Mozzarella dop prodotta anche con latte vaccino, contrariamente a quanto prescritto dal disciplinare, e analisi false, ottenute da tecnici compiacenti.
Sono 13 le misure cautelari, emesse dalla procura di Santa Maria Capua Vetere, nei confronti di imprenditori del settore caseario, veterinari e biologi, accusati di associazione per delinquere finalizzata alle sofisticazioni alimentari.
L’inchiesta riguarda un importante caseificio della zona di Terra di Lavoro, nel Casertano.

La mozzarella - spiega a Sky TG24 il comandante dei carabinieri Alfonso Pannone - veniva prodotta anche con latte vaccino, conteneva una quota batteriologica 2mila volte superiore a quella massima prevista e un additivo per aumentare la qualità proteica del prodotto".


Ma, oltre alla sicurezza alimentare elusa con escamotage, gli imprenditori indagati, per lucrare avrebbero messo a rischio anche la sicurezza dei loro dipendenti.
L'indagine infatti è nata da un incidente sul lavoro nel quale un addetto alla lavorazione della mozzarella perse le dita della mano. L’infortunio, il 20 febbraio di tre anni fa, si sarebbe rivelato non frutto di una casualità, ma causato dalla manomissione di un macchinario dal quale, per aumentare la produzione, erano stati eliminati i sistemi di sicurezza per gli operatori.

Leggi tutto