Cos'è il Daspo, come funziona e a chi si applica. LA SCHEDA

1' di lettura

Il provvedimento emesso nei confronti di "Genny 'a Carogna" prevede il divieto di acccesso agli stadi, può durare da uno a 5 anni e può essere disposto dal questore su persone denunciate o condannate, anche non definitivamente, per una serie di reati

"Esposizione di striscioni o cartelli incitanti la violenza o recanti ingiurie o minacce" e "scavalcamento e invasione di campo in occasione di manifestazioni sportive". Sono le violazioni contestate a Gennaro De Tommaso, detto "Genny 'a carogna", 38 anni, che allo stadio Olimpico di Roma indossava la maglietta "Speziale Libero". A De Tommaso è stato notificato un Daspo di cinque anni.

Il provvedimento Daspo - Ma che cos'è il Daspo? Il "Divieto di accedere a manifestazioni sportive" è regolato dalla Legge 13 dicembre 1989 n. 401, per contrastare il crescente fenomeno della violenza negli stadi di calcio. Si tratta di una misura amministrativa e non penale, emessa dalla Questura quando un soggetto viene ritenuto pericoloso limitatamente alle manifestazioni sportive.

La durata da uno a cinque anni - Il divieto di acccedere agli stadi può durare da uno a cinque anni e può essere disposto dal questore su persone denunciate o condannate, anche non definitivamente, negli ultimi cinque anni per una serie di reati e violazioni: porto d'armi o di oggetti atti a offendere; uso di caschi: introduzione nello stadio di simboli razzisti; lancio di razzi o petardi; superamento di barriere; invasione di campo. La casistica è molto ampia e si estende anche a coloro che partecipano, incitano, incoraggiano manifestazioni di violenza. Il Daspo può essere comminato anche nei confronti di soggetti minori di anni 18, che abbiano compiuto il quattordicesimo anno di età (in tal caso, il divieto è notificato a coloro che esercitano la patria potestà).

Le modifiche - La norma è stata più volte rivista nel corso degli anni, per far fronte ai numerosi episodi di violenza che avevano colpito il mondo del calcio. L'ultima modifica è stata varata nel febbraio 2007 con il decreto Amato, in seguito ai gravi episodi di violenza in occasione del derby Catania-Palermo che videro la morte dell’ispettore Filippo Raciti.

Leggi tutto