Dell'Utri: legali chiedono rinvio dell'udienza in Cassazione

1' di lettura

Gli avvocati Massimo Krogh e Giuseppe Di Peri hanno presentato la richiesta per motivi di salute. I giudici decideranno domani 15 aprile. Intanto a Beirut l'ex senatore di Forza Italia resta in stato di detenzione

Potrebbe slitare l’udienza della Corte di Cassazione, prevista per martedì 15 aprile, in cui è attesa la sentenza definitiva nel processo a Marcello Dell'Utri, condannato in secondo grado a sette anni di carcere per concorso esterno in associazione mafiosa. Entrambi i legali dell'ex senatore, gli avvocati Massimo Krogh e Giuseppe Di Peri hanno infatti presentato la richiesta di rinvio per motivi di salute. I giudici della Prima sezione  della Corte di Cassazione decideranno solo domani se procedere al rinvio.

Intanto a Beirut Dell'Utri ha trascorso la seconda notte nella camera di sicurezza della polizia libanese a Beirut, dopo l’arresto di sabato,
Il cofondatore di Forza Italia non è comparso davanti ai magistrati libanesi per un'udienza di convalida dell'arresto, perché tale udienza non è prevista dalla legge. A dare la notizia è stato lo stesso procuratore generale della Cassazione, Samir Hammud, sottolineando che Dell'Utri potrebbe rimanere detenuto "fino alla decisione sull'estradizione".

L'ex senatore del Pdl non avrebbe ancora nominato un suo legale in Libano, ma - essendo obbligatoria la presenza di un avvocato in caso di comparizione dinanzi ai magistrati libanesi - l'assistenza legale viene fornita dall'ambasciata d'Italia.


Leggi tutto