Camorra, arrestato il boss Cuccaro. Era latitante da 2 anni

1' di lettura

Capo dell’omonimo clan, 42 anni, è stato sorpreso dai poliziotti ad Ardea, in provincia di Roma. L'uomo, già condannato in via definitiva all’ergastolo per omicidio, era nella lista dei 100 latitanti più ricercati

La Polizia ha arrestato il capo clan dei quartieri Barra e Ponticelli di Napoli. Si tratta di Angelo Cuccaro catturato dopo due anni di latitanza, destinatario di diverse ordinanze di custodia cautelare in carcere e condannato in via definitiva all'ergastolo per un omicidio.
L’uomo, soprannominato "angiulillo", è stato sorpreso dai poliziotti ad Ardea, in provincia di Roma (MAPPA).
Al blitz hanno preso parte gli agenti delle Squadre Mobili di Napoli e Roma, del Servizio Centrale Operativo e della polizia Scientifica. Cuccaro aveva trovato alloggio in una villetta ma la polizia lo ha sorpreso e arrestato in strada.
Il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, ha fatto giungere, tramite il Capo della Polizia, Alessandro Pansa, le congratulazioni per l’operazione.


Angelo Cuccaro, che ha 42 anni, era stato condannato all'ergastolo per l'omicidio di Esposito Luigia avvenuto nel 1996. Con i fratelli Michele e Luigi, entrambi latitanti, gestiva gli affari dell'omonimo clan, attivo nell'area orientale dei Napoli già dalla fine degli anni '80, che attualmente detiene il monopolio di tutte le attività illecite del quartiere di Barra e delle aree confinanti inclusa Ponticelli.

Lo scorso 8 marzo, a Capodrise (Caserta), la polizia aveva arrestato un pregiudicato ritenuto un esponente di spicco dello stesso clan: si tratta di Vincenzo Amodio, di 50 anni, condannato a otto anni di reclusione per concorso in estorsione e usura, aggravati dal metodo mafioso nei confronti di titolari di sale di videogiochi e di agenzie di scommesse on-line, quali venivano imposte tangente. Insieme ad Amodio venne condannato anche Angelo Cuccaro.

Leggi tutto