Crollo di Ventotene, condannate quattro persone

La spiaggia di Cala Rossano nell'Isola di Ventotene con soccorritori ed inquirenti, il 20 aprile 2010
1' di lettura

La sentenza per omicidio colposo per la tagedia del 2010 in cui morirono 2 studentesse: 2 anni e 4 mesi al sindaco. Per il tribunale sono colpevoli anche il responsabile dell'ufficio tecnico, il precedente sindaco e l'ingegnere del genio civile di Latina

Sono stati condannati per omicidio colposo i quattro imputati del processo per il crollo del costone sull'isola di Ventotene dell'aprile del 2010, in cui persero la vita due studentesse romane, Sara Panuccio e Francesca Colonnello.

Il giudice del tribunale di Terracina Carla Menichetti ha condannato a due anni e quattro mesi il sindaco dell'isola Giuseppe Assenso e il responsabile dell'ufficio tecnico Pasquale Romano; a un anno e 10 mesi l'ex sindaco Vito Biondo e l'ingegnere del genio civile di Latina Luciano Pizzuti. Il pubblico ministero Nunzia D'Elia aveva chiesto la condanna a due anni e tre mesi per Assenso, Romano e Pizzuti, mentre per l'ex sindaco era stata chiesta l'assoluzione.

Alla lettura della sentenza hanno assistito anche i familiari delle due ragazze morte. "Questa sentenza - ha detto Bruno Panuccio, papà di Sara - rende giustizia all'Italia: in questo Paese per le persone morte a causa di frane non è mai stato condannato nessun amministratore, è la prima volta. Non si parli più di fatalità".

Leggi tutto