Inps, Mastrapasqua nella bufera. Letta chiede chiarezza

1' di lettura

Traballa la poltrona del presidente dell'Inps, indagato per presunte cartelle cliniche truccate e fatture gonfiate dell'Ospedale Israelitico, di cui è direttore generale. L'esecutivo fa pressing sul ministro Giovannini

Il caso Mastrapasqua approda a palazzo Chigi. Il premier Enrico Letta fa pressing sul ministro del Lavoro, Enrico Giovannini, perché faccia "massima chiarezza", anche sul versante di un possibile conflitto di interessi, con una relazione che deve essere inviata "al più presto possibile". Chiede chiarezza anche la Cgil secondo cui, sull'istituto, "sia il governo Monti, che l'attuale, hanno nicchiato e rinviato".

L'inchiesta per presunte cartelle cliniche truccate - Il presidente dell'Inps, ente che dipende per l'appunto dal ministero del Lavoro, è finito sulla graticola per un'indagine della procura di Roma per presunte cartelle cliniche truccate e fatture gonfiate dell'Ospedale Israelitico, di cui è direttore generale, per un giro di 85 milioni di euro. La relazione sollecitata da Letta a Giovannini, oltre che sui profili generali della vicenda, è però anche su possibili conflitti d'interesse: secondo la ricostruzione del quotidiano La Repubblica, infatti, Mastrapasqua, in veste di direttore dell'Ospedale, avrebbe girato all'Inps, di cui è presidente, contributi previdenziali sotto forma di fatture della Regione Lazio non liquidate. Palazzo Chigi, insomma, vuole vederci chiaro su una vicenda di cui è protagonista un dirigente considerato tra i più potenti d'Italia, che ricopre decine di cariche in diversi enti e società, tra cui la vicepresidenza esecutiva di Equitalia: si vuole capire se questa moltiplicazione di poltrone (secondo l'Adusbef si tratta addirittura di "25 incarichi simultanei") possa in qualche modo provocare un conflitto d'interessi e quindi irregolarità di qualche tipo.

La difesa di Mastrapasqua -
Sabato 25 il presidente dell'Inps si era già difeso sottolineando che l'inchiesta è stata avviata anche grazie all'impulso dato da lui stesso. Inoltre, per Mastrapasqua "nessun rilievo o interesse assumono nell'indagine il ruolo di presidente dell'Inps né tantomeno quello di Direttore Generale dell'Ospedale Israelitico, in quanto i fatti ipotizzati attengono a condotte che sarebbero state poste in essere da alcuni dirigenti sanitari e non afferiscono né all'Inps né all'Ospedale Israelitico''.

Leggi tutto