Maltempo: un morto in Liguria, un disperso nel modenese

1' di lettura

Ritrovato il corpo del medico siriano travolto da un torrente domenica nell'entroterra genovese. A Bastiglia (Modena) si cerca un uomo caduto in un canale durante i soccorsi dei vigili del fuoco. Centinaia gli sfollati per l'esondazione del Secchia

Un morto, un disperso e centinaia di sfollati. E' il bilancio ancora provvisorio della forte ondata di maltempo che ha colpito il Nord Italia. Il corpo senza vita del medico di origini siriane Elias Kassabji, travolto nel pomeriggio del 19 gennaio dalla piena del rio Sessarego, nell'entroterra genovese, è stato ritrovato nella mattina di lunedì 20 gennaio. L'uomo che era con lui, il padre del paziente che aveva appena visitato, e' ricoverato all'ospedale
San Martino. Dall'alba nel comune di Bastiglia, in provincia di Modena, sono in corso le ricerche di un uomo disperso nelle acque di un canale: sembra si trovasse su un gommone per soccorrere altri cittadini in difficoltà.

Centinaia di sfollati nel modenese
- Al momento, la situazione più critica è proprio quella del Modenese, dove i vigili del fuoco sono al lavoro dalla mattina di domenica e dove sono centinaia le persone accolte e assistite nei Centri di accoglienza predisposti in seguito agli allagamenti dovuti alla rottura dell'argine destro del fiume Secchia (FOTO - VIDEO). Nel frattempo, la protezione civile ha fatto scattare la fase di preallarme per la piena del Panaro: l'allerta riguarda Bondeno (Ferrara) e Crevalcore (Bologna). Il presidente della Regione Emilia-Romagna Vasco Errani ha annunciato che chiedera' al governo lo stato d'emergenza, mentre la Procura di Modena ha aperto un'inchiesta per far luce sull'alluvione che ha colpito il territorio. Un'inchiesta conoscitiva, quindi senza indagati né ipotesi di reato, che punta a capire le cause che hanno portato al disastro ambientale.

Orlando: stato di emergenza in Liguria - Intanto in Liguria, a Imperia i vigili del fuoco sono al lavoro per centinaia di frane e smottamenti che hanno compromesso parzialmente la viabilità. Gli interventi dall'inizio dell'emergenza sono stati oltre 150. Per la Liguria ha chiesto lo stato di emergenza il ministro per l'Ambiente Andrea Orlando. "Ho ritenuto doveroso sentito il capo della Protezione civile Franco Gabrielli per chiedere al presidente del Consiglio Enrico Letta di concedere lo stato di emergenza alle zone colpite dal maltempo a partire dalla Liguria, sicuramente la regione più colpita dalle piogge di questi giorni" .

Disagi anche in Toscana - Il maltempo sta causando problemi anche in Toscana, in particolare nella provincia di Lucca. I comuni più colpiti sono Lucca, Viareggio, Massarosa, Camaiore, Pietrasanta e Serravezza. Il sindaco di Viareggio ha chiesto lo stato di calamità naturale. Vigili del Fuoco al lavoro anche nella provincia di Pisa, per allagamenti e alberi pericolanti.

Il maltempo si sta estendendo anche al Centro-Sud
- Un'ondata che si estende anche al Centro-Sud. Il livello dei fiumi Liri, Fibreno e Aniene è arrivato a livelli di guardia e a Frosinone c'è timore per la frana che ormai da mesi coinvolge la parte alta della città.  A Napoli una voragine, probabile conseguenza delle forti piogge, si e' aperta in via Filippo Maria Briganti: sgomberato a scopo precauzionale un palazzo poco distante.  In Sicilia, il vento non dà tregua a Palermo, con alberi e cartelloni pericolanti ed altri abbattuti come fuscelli in varie parti della città. Il mare molto mosso ha bloccato i collegamenti per Ustica.

Leggi tutto