Autostrade, la Lega occupa i caselli contro il caro pedaggi

1' di lettura

Protesta del Carroccio contro l'aumento delle tariffe. A Gallarate il segretario federale Salvini prende il biglietto e si rifiuta di pagare: "L'Italia è uno stato razzista nei confronti del nord. Al sud ci sono chilometri di strade gratis"

Protesta dei militanti della Lega in una serie di caselli autostradali del Nord contro l'aumento dei pedaggi scattato all'inizio dell'anno. La manifestazione principale a Gallarate, lungo la A8 in provincia di Varese; tra i presenti anche il segretario Matteo Salvini e il presidente Umberto Bossi.

Salvini: "L'Italia un paese razzista" - "Sono qui e non pagherò il casello dichiarando che il servizio fa schifo: è una questione di giustizia sociale, perché ci sono mille chilometri di autostrade al sud gratis e bastonano il Nord", ha detto Salvini al presidio del Carroccio. "L'Italia è uno Stato razzista nei confronti del Nord. Le autostrade le ha pagate lo Stato e quindi anche i cittadini" ha continuato il segretario federale della Lega, che è stato accolto dai militanti al grido di "secessione, secessione".
Salvini si è quindi recato al Casello dove, dopo aver ritirato il biglietto, ha dichiarato di non pagare il pedaggio, si è informato su cosa sarebbe accaduto e, leggendo le istruzioni che spiegavano che la somma dovuta poteva essere pagata, senza addizionali, entro quindici giorni, ha ribadito il suo no al pagamento anche quando gli fosse arrivato il dovuto avviso. Umberto Bossi, che ha presenziato per circa un'ora, ha dichiarato: "Sono aumentati i trasporti che sono vitali  per l'economia e l'industria. Bisogna ridistribuire i sacrifici in tutto il Paese, non mungere la stessa vacca".

Gallarate luogo storico per la Lega - Un luogo anche simbolico, Gallarate, per i leghisti: da queste parti nel 1992 il primo Carroccio con Bossi protestò giorno e notte contro la costruzione della nuova barriera di Cavaria, quella dove oggi i militanti si presenteranno per non pagare. Allora come oggi i lumbard sostengono che sia iniquo il trattamento nei confronti del nord "mentre al sud non si paga l'autostrada".

Leggi tutto