Piemonte, Tar annulla le Regionali. Cota: "Una vergogna"

1' di lettura

Accolto il ricorso di Mercedes Bresso contro il voto che aveva portato la Lega alla guida della Regione. Forse alle urne in primavera. Chiamparino: "Pronto a candidarmi". Salvini: "Furto di democrazia". Carroccio scende in piazza

Il Tar del Piemonte ha accolto "il ricorso principale" promosso da Mercedes Bresso contro il risultato delle elezioni regionali del 2010, che avevano portato all'elezione del leghista Roberto Cota. Nello specifico, come si legge nel dispositivo, i giudici hanno annullato "la proclamazione degli eletti" al consiglio regionale "ai fini della rinnovazione della competizione elettorale". Si potrebbe tornare al voto già nella prossima primavera. Il governatore Cota ha però annunciato che ricorrerà al Consiglio di Stato.

Le irregolarità - Mercedes Bresso aveva chiesto l'annullamento del risultato elettorale, che aveva consegnato al leghista Roberto Cota la carica di governatore del Piemonte, per la presenza di una lista, i "Pensionati per Cota", la cui presentazione era stata viziata da irregolarità. Il consigliere regionale espresso dai "Pensionati per Cota", Michele Giovine, è stato condannato in via definitiva dalla Cassazione a due anni e otto mesi.

Cota: "Continuerò a fare il governatore" -
"Faremo ricorso al Consiglio di  Stato contro questa vergognosa sentenza e io continuerò a fare il governatore", ha detto Cota durante una conferenza stampa: "Questa sentenza è una vergogna", ha aggiunto.


"Non sono amico dei potenti, non sono dentro a un certo sistema di potere e penso che questo abbia scatenato molte persone" ha poi detto il governatore a Sky TG24. "È una vergogna - ha continuato - siamo in un paese di matti. Siamo nel 2014 e le elezioni sono state nel 2010, ora il Tar decide di annullarle, e non è mai stato in contestazione il risultato elettorale, ma l'ammissione di una lista da parte dei tribunali".




Bresso a Sky TG24: "Valuteremo una candidatura" -
"Giustizia è fatta" invece, per l'ex presidente, Mercedes Bresso, che aveva presentato il ricorso. "Al momento festeggio. Faccio parte di un partito, il Pd, e vedremo insieme cosa fare", dice poi a Sky TG24 (video) a proposito di un'eventuale candidatura.  "Personalmente - aggiunge - sono impegnata con il Comitato delle Regioni Europee, preferirei forse candidarmi al parlamento europeo".
E a Cota vorrebbe dire: “Prendine atto. Nessuno di noi in questo momento è eletto. Dire che continua ad andare avanti come prima mi sembra irresponsabile e molto grave” (video).


In caso di voto si profila già un candidato: Sergio Chiamparino, ex sindaco di Torino, presidente della Compagnia di San Paolo. "Naturalmente - afferma - non dipende solo da me. Ma io sono pronto".

Salvini: "L'11 gennaio la Lega in piazza a Torino" -
Di "attacco alla democrazia" e "di porcheria" parla invece il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini che annuncia una manifestazione del Carroccio a Torino per domani, sabato 11. Il corteo partirà dalla sede del Consiglio regionale (in via Alfieri, 5) alle 17 con arrivo di fronte alla prefettura in piazza Castello. "Giudici e sinistra - dice su Facebook - anche quando perdono, riescono a vincere".
Concetti poi ribaditi anche a Sky TG24 (video):



Leggi tutto