Ruby, Berlusconi ricorre in appello contro la condanna

1' di lettura

I legali dell’ex premier hanno impugnato la sentenza dello scorso 24 giugno chiedendo l’assoluzione con formula piena. Il Cavaliere era stato condannato a 7 anni di carcere e all’interdizione dai pubblici uffici per concussione e prostituzione minorile

I legali di Silvio Berlusconi hanno depositato al tribunale di Milano il ricorso in appello contro la sentenza di primo grado che ha condannato l'ex-premier a sette anni di carcere nel cosiddetto processo Ruby. Lo riferiscono fonti legali, precisando che è stata chiesta l'assoluzione con formula piena.

Lo scorso 24 giugno Berlusconi è stato condannato dai giudici della IV sezione penale del Tribunale di Milano a sette anni di carcere e all'interdizione perpetua dai pubblici uffici per concussione per costrizione e prostituzione minorile nell'ambito del processo di primo grado per il caso Ruby. 

Nelle motivazioni, depositate a novembre, i giudici hanno detto di ritenere "provati" atti sessuali tra l'ex-premier e la giovane marocchina Karim El Mahroug, detta Ruby, quando era minorenne, in cambio di denaro e altri beni. Berlusconi ha sempre respinto ogni addebito.

Leggi tutto