Stamina, nominato il nuovo comitato scientifico

1' di lettura

Via libera del Ministero della Salute al nuovo organo a seguito della decisione del Tar che aveva accolto il ricorso contro la precedente commissione. Intanto i genitori dei bimbi malati contestano i risultati delle cartelle cliniche inviate da Brescia

Al via il nuovo Comitato del ministero della Salute su Stamina. Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha selezionato i nomi che comporranno il Comitato scientifico in esecuzione dell'ordinanza del Tar del Lazio e tenuto conto di quanto indicato dall'Avvocatura generale dello Stato. Lo riferisce una nota del ministero della Salute. Ecco i nomi: presidente Mauro Ferrari; Sally Temple, Curt R. Freed, Vania Broccoli, Francesco Frassoni; Carlo Dionisi Vici; Antonio Uccelli. "E' stata individuata - si legge nella nota del Ministero- la figura di un presidente garante di alto livello, non della materia ma riconosciuto internazionalmente per qualità scientifica, accompagnato da due esperti di staminali stranieri, due esperti italiani due clinici, uno di interesse metabolico e uno neurologico, entrambi noti in campo di terapia cellulare".

I genitori dei malati: "Dati falsi" - Intanto proseguono le polemiche dopo la diffusione del contenuto delle 36 cartelle cliniche inviate dagli Spedali Civili di Brescia al comitato istituito dal ministero della Salute, secondo cui non c'è nessuna prova di miglioramento dei pazienti trattati a Brescia con il metodo Stamina. I documenti erano stati trasmessi proprio per valutare il controverso metodo a base di cellule staminali mesenchimali.
Nella mattina di sabato 28 si è svolta una conferenza stampa a Roma, dai genitori della piccola Celeste e di Sebastian, entrambi affetti da Sma, trattati con le infusioni della metodica Stamina. Durante l'occasione, sono stati proiettati dei video, nei quali i bambini riescono a muovere le gambine e a tener ferma la testa. Presente alla conferenza il neurologo Marcello Villanova. Il padre di uno dei bambini ha inoltre portato i certificati medici sullo stato della sua bambina.

Leggi tutto