La protesta dei Forconi blocca l'Italia. Scontri a Torino

1' di lettura

In piazza disoccupati, precari, pensionati, studenti e lavoratori di ogni settore. Tafferugli nel capoluogo piemontese: feriti 14 agenti, colpita la postazione di Sky TG24. A Genova occupati i binari. Disagi da Nord a Sud. FOTO - VIDEO

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SULLA PROTESTA

Disagi in tutta Italia. Il movimento dei Forconi è tornato ad alzare la voce con manifestazioni e proteste, a cui hanno partecipato anche disoccupati, precari, pensionati, studenti e lavoratori di ogni settore, creando tensioni in diverse piazze.
"Facciamo un presidio fino a quando servirà. Il 9 dicembre l'Italia si ferma: lo dobbiamo ai nostri figli". Questo lo slogan col quale il Coordinamento 9 dicembre ha annunciato la mobilitazione in molte città promossa dai Forconi (VIDEO - FOTO 1 - FOTO 2). Il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, ha chiarito: "Le proteste in Italia sono legittime se rispettano le leggi. Noi impediremo che vengano violate e faremo valere la forza dello Stato".

A Torino caos e tafferugli: feriti 14 agenti
- La situazione più difficile si è veriricata a Torino dove il centro è stato bloccato e la maggioranza dei negozi ha tenuto le saracinesche abbassate. I manifestanti sono entrati nella stazione di Porta Nuova, dove hanno occupato per circa mezz'ora i binari. Nella stazione di Porta Susa l'occupazione è durata circa un'ora. Violenza e tantissima confusione davanti il palazzo della Regione che è stato oggetto di un fittissimo lancio di razzi e fumogeni, con la polizia impegnata a respingere i manifestanti.
Quattordici i feriti tra le forze dell’ordine e tre auto della polizia danneggiate. Colpita anche una postazione mobile di Sky TG24.


Bloccata la ferrovia e le strade a Genova - Disagi e caos anche a Genova, dove i manifestanti hanno bloccato i binari della stazione Brignole e la sopraelevata (a Genova i carabinieri hanno salutato i manifestanti: video). A Roma sotto lo striscione "I veri italiani si fermano", un centinaio di persone si è radunato in piazzale dei Partigiani, sull'Ostiense. Accanto al movimento dei "Forconi" anche disoccupati, precari, pensionati, studenti e lavoratori di ogni settore.
In Veneto primi blocchi già dalla notte dell’8 dicembre. I disagi si sono concentrati fra Vicenza Ovest, Montecchio Maggiore, sempre nel Vicentino, e Soave, nel Veronese. A Cagliari i manifestanti hanno bloccato le strade vicine all'Agenzia delle Entrate. Bloccato il traffico sulla tangenziale di Bari tra le uscite di Poggiofranco e Carrassi. Circolazione difficile a Firenze dove i manifestanti hanno bloccato i viali.

Il leader: "Ci difenderemo dagli infiltrati" - "Saremo noi per primi a difenderci dagli infiltrati. Ho paura perché le infiltrazioni mafiose e quelle degli estremisti di destra e di sinistra non ci fanno bene". Così Mariano Ferro, leader del movimento dei forconi sul pericolo di infiltrazioni. "Ha ragione il Viminale a dire stiamo attenti. Ma noi saremo i primi a punirli severamente allontanandoli dai presidi".

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SULLA PROTESTA


Leggi tutto