Freddo e neve sull’Italia: è arrivato l’inverno

1' di lettura

Temperature in picchiata sulla Penisola per il flusso di aria artica che continua a investire le regioni da Nord a Sud. Colpito soprattutto il versante adriatico. Scuole chiuse in diverse città delle Marche, Abruzzo e Molise. LE PREVISIONI

Neve, temperature crollate di oltre 10 gradi in poche ore, mareggiate, bufere di vento. Il nucleo di aria gelida proveniente dall’artico ha portato l’inverno su gran parte dell’Italia. La neve ha colpito soprattutto le regioni adriatiche del centro-sud, causando disagi. Oggi, mercoledì 27 novembre, resteranno chiuse le scuole in diversi comuni di Abruzzo, comprese quelle dell’Aquila, in Molise e nelle Marche. E le previsioni per oggi parlano ancora di freddo e neve.

Oggi è prevista instabilità sulle regioni adriatiche e su quelle meridionali. Al Nord si attendono piogge sparse e nevicate soprattutto in collina sulla Romagna. Tempo migliore sulle restanti regioni, ma con temperature rigide. Al Centro su Umbria, Toscana orientale, Marche, Abruzzo e aree appenniniche in generale precipitazioni sparse che assumeranno carattere nevoso intorno ai 200-300 metri. Sulle altre regioni inizialmente cielo poco nuvoloso ma con una moderata intensificazione della nuvolosità a partire dalla Toscana e in estensione al Lazio. Addensamenti nuvolosi, localmente consistenti sulla Sardegna, specie sui settori nord-orientali, dove non mancheranno deboli piogge. Al Sud su Puglia e Molise precipitazioni sparse che assumeranno carattere nevoso a quote collinari e si andranno parzialmente attenuando. Sulle altre regioni iniziali condizioni di nuvolosità variabile, con addensamenti e locali piovaschi su Sicilia settentrionale e Calabria meridionale. Le nubi tenderanno a farsi via via più diffuse nel corso della mattinata e, dal pomeriggio, saranno associate ad occasionali piogge e locali nevicate sulle aree collinari interne, specie fra Campania, Molise e Puglia garganica.

Domani, giovedì 28 novembre, al Nord il tempo si manterrà stabile. Possibili gelate al primo mattino e banchi di nebbia nelle ore più fredde sulla pianura padano-veneta. Al Centro e sulla Sardegna residui addensamenti nuvolosi con precipitazioni nevose a quote collinari su Abruzzo. Scarsa nuvolosità sulle altre regioni peninsulari. Sulla Sardegna addensamenti nuvolosi in progressiva intensificazione con piogge sparse specie nella seconda parte della giornata. Al Sud nuvolosità estesa su gran parte delle aree con piogge sparse ed occasionali che risulteranno più persistenti e consistenti su Sicilia e Calabria.

Leggi tutto