Roma, No Tav in piazza: scontri tra polizia e manifestanti

1' di lettura

Tensione a Campo de' Fiori in occasione del vertice Italia-Francia. Circa duecento persone in piazza per protestare. Tra loro anche appartenenti al movimento per la casa. Danneggiata la sede del Pd. Letta e Hollande: "Torino-Lione priorità". FOTO - VIDEO

Scontri in piazza a Roma tra manifestanti e forze dell'ordine (FOTO). Circa duecento persone, per lo più aderenti ai No Tav e al movimento per la Casa, si sono radunati a Campo de' Fiori in occasione del vertice Italia-Francia.
I manifestanti, che avevano ricevuto l'autorizzazione per un presidio statico in Campo de' Fiori, hanno tentato di sfondare il cordone della polizia in via dei Giubbonari (LA MAPPA) per dirigersi probabilmente verso l'ambasciata francese ma sono stati bloccati con cariche. E' stata esplosa anche una bomba carta e sono stati lanciati fumogeni e bottiglie.
Negli scontri sarebbero rimasti feriti un manifestante e sei appartenenti alle forze dell'ordine. Si tratta di due carabinieri, un funzionario di polizia e tre agenti.
I manifestanti si sono spostati poi verso il Circo Massimo dopo avere ricevuto l'ok dalla Questura.

Sezione Pd imbrattata e oggetto vandalismi - Imbrattata e fatta oggetto di atti vandalici la storica sezione del Pd in via dei Giubbonari. Alcuni no Tav, che stavano manifestando a Campo de' Fiori, si sono staccati dal sit in e si sono diretti verso la sezione: hanno divelto i dazebao, li hanno usati come bastoni e hanno imbrattato la targa esterna. I militanti si sono chiusi dentro la sezione.
Al telefono con l'agenzia di stampa Ansa dall'interno della sede del Pd il segretario della sezione Giulia Urso. "Siamo chiusi dentro in 6, stavamo difendendo la sede fuori, ma la polizia ci ha fatto entrare dentro. Hanno staccato tutto fuori, sulla facciata, non ho mai
visto belve così".

Tensioni tra manifestanti e polizia



Epifani: "Violenza estremista non intimidisce il Pd" - Duro il segretario del Pd Guglielmo Epifani: "Netta riprovazione rispetto agli atti di violenza compiuti contro la sede nazionale del Partito Democratico e contro il circolo romano di Via dei Giubbonari". E aggiunge: "Sono azioni intollerabili da parte di estremisti, che non intimidiscono il Pd ne' sono in grado di condizionare le sue scelte". Il candidato alle primarie del Pd Gianni Cuperlo, in visita alla sezione oggetto di atti vandalici, ha osservato: "L'assalto alle sedi dei partiti è un comportamento fascista". E a Sky TG24 ha aggiunto: "Aggredire le sedi dei partiti democratici è qualcosa che riporta indietro a un periodo buio dell’Italia" (VIDEO).



Vertice Italia - Francia: "La Tav è una priorità" - Intanto, arrivano le dichiarazioni finali del vertice italo-francese a Villa Madama. I governi di Italia e Francia "considerano la nuova linea Lione-Torino un cantiere aperto di cui sottolineano il carattere prioritario della realizzazione" si legge nel documento in cui si sottolinea anche l'importanza del sostegno finanziario europeo.


Leggi tutto