Milano, duplice omicidio in periferia

1' di lettura

Una delle due vittime, Emanuele Tatone, è il fratello di Nicola, ora in carcere e considerato uno degli storici boss di Quarto Oggiaro, lo stesso quartiere dove sono stati rinvenuti i corpi. Entrambi erano pregiudicati

Sono entrambi pregiudicati i due uomini trovati uccisi nel pomeriggio di domenica 27 ottobre in una zona periferica a Milano. Si tratta di Emanuele Tatone di 52 anni e di P. S., di 54. In particolare il primo è un membro della famiglia Tatone nota a Quarto Oggiaro e più volte al centro delle cronache criminali.
Emanuele Tatone è fratello di Nicola Tatone, pluripregiudicato e considerato uno degli storici boss di Quarto Oggiaro, il popolare quartiere milanese da decenni al centro di vicende legate allo spaccio di droga.

Nicola Tatone è stato arrestato dalla polizia nel 2009 per un'associazione per delinquere finalizzata allo spaccio di stupefacenti ed è stato condannato a 24 anni di carcere. Lui e suoi fratelli sono i figli della nota 'Mamma Rosa' anche detta 'Nonna eroina' perché una delle capostipiti dello spaccio di droga nel capoluogo lombardo.
Emanuele Tatone non era inserito in ambienti criminali di grande spessore, se non per le sue parentele. Era gravemente malato da anni ed era tossicodipendente. L'altro uomo trovato ucciso, P. S., non viene ritenuto un pregiudicato di rilievo.

Leggi tutto