Sbarchi, soccorsi oltre 300 migranti nel Canale di Sicilia

1' di lettura

Due motovedette della Capitaneria hanno intercettato 250 stranieri a 160 miglia dalle coste siciliane. A Portopalo sbarcati 93 migranti tra cui iracheni, siriani e afghani. Ieri la cerimonia ad Agrigento per le vittime di Lampedusa

Sono sbarcati alle 9 di martedì 22 ottobre al porto di Siracusa 250 stranieri intercettati lunedì sera a 160 miglia dalle coste della Sicilia sud-orientale. Nel gruppo, perlopiù composto da siriani, c'è anche una neonata partorita dalla madre sull'imbarcazione durante la traversata. La piccola e la puerpera sono state trasportate all'ospedale Umberto I di Siracusa.
I migranti sono arrivati a bordo di due motovedette della Capitaneria di Porto su cui sono stati trasbordati in nottata mentre il loro peschereccio, con cui avevano affrontato la traversata in mare, è stato lasciato alla deriva.

Un altro sbarco a Portopalo - Sono invece sbarcati poco dopo la mezzanotte a Portopalo 93 migranti tra cui iracheni, iraniani, siriani e afghani, giunti sul litorale siracusano su un vecchio mercantile in ferro che si è arenato in contrada Morghella. A bordo della nave è salito un militare della Guardia costiera che l'ha condotta fino a Portopalo. Ci sono 59 uomini, 13 donne e 21 minori.

La cerimonia ad Agrigento e le contestazioni - Nella giornata di lunedì 21 si è svolta la cerimonia commemorativa delle vittime del naufragio del 3 ottobre a Lampedusa in cui hanno perso la vita 366 persone. Il ministro dell'Interno Angelino Alfano è stato contestato e ha replicato: "Chi contesta vuole gli scafisti liberi".

Leggi tutto