Concordia, la rotazione conclusa alle 4 del mattino

1' di lettura

Dopo 19 ore di lavoro il relitto è stato riportato in asse. I tecnici in conferenza stampa: "Meglio di così non poteva andare". Ora verrà messa in sicurezza e si cercheranno i due corpi ancora dispersi. DIRETTA SKYTG24 - TUTTI GLI AGGIORNAMENTI -

La rotazione è riuscita: la Costa Concordia è di nuovo sul suo asse verticale. Alle 4 del mattino, dopo 19 ore di lavoro, si è conclusa l'operazione di parbuckling che ha raddrizzato la nave. Sul lato della Concordia che era sommerso ci sono delle enormi deformazioni, con ogni probabilità dovute all'impronta degli scogli. Intanto, è stato spiegato in conferenza stampa, il relitto della nave ormai poggia sulla piattaforma creata ad hoc per l'operazione.

"Penso che meglio di così non potesse andare", ha detto il responsabile del progetto per la Costa, Franco Porcellacchia. "Ci sono molti danni sulla nave e bisogna fare un censimento", ha invece detto Nick Sloane, il direttore delle operazioni di rotazione. "Tutto il team è molto orgoglioso di ciò che abbiamo fatto", ha aggiunto Sloane.

Le operazioni di parbukcling erano iniziate intorno alle 9 del mattino di lunedì 16 settembre, con tre ore di ritardo rispetto a quanto previsto a causa di un temporale notturno che si è abbattutto sull'Isola del Giglio. Poco dopo le 12 la nave si era visibilmente staccata dalla roccia in cui è rimasta incagliata la sera del naufragio, costato la vita a 32 persone, ed ha iniziato ad essere visibile la parte dello scafo che era rimasta sommersa. Poi, alle 18, le operazioni sono state sospese per un'ora. Durante le operazioni non si è verificato nessun sversamento in mare. Nessuna traccia sinora anche delle due vittime che risultano ancora disperse.


Tutti gli aggiornamenti


Leggi tutto