Grosseto: 11 indagati per paziente morto dopo trasfusione

1' di lettura

Dopo un'infermiera e i medici del reparto di rianimazione, la Procura ha esteso l'indagine per omicidio colposo anche ai sanitari che avevano curato il pensionato per una polmonite

Per la morte del pensionato 76enne all'ospedale di Grosseto, sono stati indagati per omicidio colposo anche i medici che lo hanno curato per una polmonite nel reparto di malattie infettive, e non solo un'infermiera e i medici del reparto di rianimazione dove l'uomo è deceduto il 25 agosto dopo una trasfusione sbagliata, che non doveva ricevere.

In totale, quindi, salgono a 11 gli indagati per questa vicenda. Lo ha deciso la procura della Repubblica di Grosseto che sta notificando in queste ore gli avvisi di garanzia, anche in previsione dell'autopsia fissata per domani 29 agosto.
La procura, secondo quanto si apprende, ha esteso l'ipotesi di omicidio colposo anche ai medici del reparto di malattie infettive, dove il 76enne è stato ricoverato, ipotizzando un concorso di reato con il personale della rianimazione.

Gli inquirenti indagano quindi non solo sulla trasfusione sbagliata al 76enne, ma anche sull'adeguatezza delle cure e delle terapie ricevute dal paziente per la polmonite, patologia per cui era ricoverato.

Leggi tutto