Immigrazione, sbarcate oltre 100 persone in Sicilia

1' di lettura

Un'unità della Guardia di Finanza ha intercettato un barcone di legno di 15 metri  al largo di Siracusa. A bordo un centinaio di siriani. Lo scafista ha tentato di scappare

Dopo due giorni di pausa a causa del mare agitato, sono ripresi all'alba di venerdì 23 agosto gli arrivi di immigrati in Sicilia.
Un barcone con a bordo 125 persone, tra cui donne e bambini, è stato soccorso al largo di Siracusa da un pattugliatore del gruppo aeronavale dalla Guardia di finanza di Messina. Il natante, uno scafo in legno di 15 metri, è stato individuato dall'unità della Finanza a circa 4 miglia dalla costa della località balneare siracusana di Ognina.

I passeggeri: "Siamo siriani" - Al timone c'era un uomo che ha eseguito alcune manovre nel tentativo di impedire l'abbordaggio del pattugliatore "Puleo", che poi è riuscito ad accostare nonostante le non buone condizioni del mare. Alcuni finanzieri sono saliti a bordo del barcone e si sono messi ai comandi, per pilotarlo nel porto di Siracusa. I passeggeri hanno dichiarato di essere siriani. Nelle stesse ore, l'Unicef ha reso noto i dati sui bambini profughi provenienti da Damasco: sono un milione.

Leggi tutto