Venezia, scontro tra gondola e vaporetto. Un morto

1' di lettura

Un mezzo del trasporto pubblico della città lagunare ha investito nei pressi del ponte di Rialto la piccola imbarcazione. Un turista tedesco di 50 anni è deceduto, mentre sua figlia di 3 anni è stata ricoverata, ma non è in pericolo di vita

Scontro fatale a Venezia tra un vaporetto e una gondola sul Canal Grande nei pressi del ponte di Rialto. Per una manovra errata il mezzo del trasporto pubblico veneziano ha travolto la piccola imbarcazione gettando in acqua tutte le persone a bordo. Un turista tedesco di cinquant'anni, che viaggiava con la sua famiglia a bordo della gondola, è morto, mentre sua figlia di tre anni è stata ricoverata all'ospedale di Padova, ma non è in pericolo di vita. Le condizioni del turista sono apparse subito gravissime, ma i soccorritori sono riusciti a rianimarlo momentaneamente dopo averlo ripescato dal canale. L'uomo è stato poi ricoverato all'ospedale dove le sue condizioni si sono aggravate fino al decesso. Sull'incidente e' stata aperta un'inchiesta.

Gondola trascinata per venti metri - Secondo una prima ricostruzione riferita dai gondolieri presenti in Canal Grande la gondola travolta da un mezzo del trasporto pubblico a Venezia sarebbe stata agganciata e trascinata per una ventina di metri. Immediate le grida del gondoliere, le urla di terrore dei turisti che erano a bordo della gondola e di numerosi passanti e camerieri dei ristoranti che si affacciano su Rialto. Subito dopo il vaporetto ha interrotto la propria corsa mentre sono scattati i soccorsi. I testimoni hanno assistito al salvataggio degli occupanti della gondola dal parte dell' idroambulanza del Suem 118. Successivamente i Vigili del Fuoco hanno recuperato la gondola che, sempre secondo i testimoni, presentava profondi danni a scafo e suppellettili. Il mezzo è stato posto sotto sequestro e portato nella Questura di Venezia, nella sede di Santa Chiara, mentre il motoscafo si trova, sempre sotto sequestro, al Tronchetto. Saranno utili in sede di indagine, oltre alle testimonianze, le numerose telecamere presenti in zona. Tra queste quelle del Magistrato alle acque, davanti al quale è avvenuto "l'aggancio" tra vaporetto e gondola.

La protesta dei gondolieri: "Troppi mezzi a Rialto" - "A Rialto ci sono solo due pontili dei vaporetti come 30 anni fa, quando c'erano solo tre linee di navigazione, ma ora sono tante. E' giusto che in quel punto passino solo le linee Actv indispensabili, non può passare un vaporetto ogni minuto". E' lo sfogo di Aldo Reato, il presidente dei 'bancali', la rappresentanza sindacale dei gondolieri. "Abbiamo denunciato più volte questa situazione, c'è troppo traffico e i mezzi vanno troppo veloci - rincara - ma nessuno ci ascolta". Il vaporetto coinvolto è della linea 1, una tra le più frequentate dai turisti perché ferma ad ogni approdo. Il mezzo acqueo della linea pubblica al momento dello scontro stava procedendo da Piazzale Roma verso San Marco e aveva appena attraversato il Ponte di Rialto.

Il sindaco: "Addolorato per quanto accaduto"
- Il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni ha condiviso "che quello del crescente traffico di barche e vaporetti in Canal Grande è un problema reale e da affrontare". "Sono molto addolorato per quanto è accaduto - dice - E' probabile ci sia stata una forte dose di fatalità, ma c'è anche un problema di regolazione del traffico, sempre più intenso, che deve essere ripreso in mano". "Ora - aggiunge Orsoni - vedremo che cosa emergerà dalle indagini su questo incidente, e anche su quella base ci muoveremo". "Intanto - prosegue - voglio esprimere il cordoglio mio personale e quello di tutta la città di Venezia alla famiglia del turista deceduto".

Leggi tutto