Milano, vigile ucciso da Suv: arrestato il complice

1' di lettura

E’ stato estradato in Italia Milos Stizanin, il 20enne di origini serbe, che si trovava a bordo dell’auto con cui Remi Nicolic, già condannato a 15 anni, aveva travolto e ucciso Nicolò Savarino il 12 gennaio del 2012

E' stato estradato in Italia Milos Stizanin, serbo di 20 anni, che si trovava a bordo dell'auto con cui il nomade Remi Nicolic, già condannato a 15 anni, aveva travolto e ucciso il vigile urbano di Milano Nicolò Savarino, il 12 gennaio del 2012. Il giovane era destinatario di un'ordinanza di custodia cautelare per favoreggiamento emessa dal gip di Milano sulla scorta delle indagini della Squadra mobile di Milano e della Polizia locale.
Milos Stizanin è arrivato a Roma con un volo proveniente da Sarajevo via Vienna, estradato dalle autorità bosniache.

Le indagini svolte dalla Squadra Mobile di Milano, con la collaborazione della Polizia Locale, oltre a permettere di catturare in Ungheria l'investitore dell'agente Savarino, Remi Nikolic, avevano permesso l'individuazione di Stizanin quale passeggero della stessa auto.
Nikolic era stato condannato a 15 anni dai giudici del Tribunale dei minori (qui le motivazioni della sentenza, ndr). Le indagini avevano stabilito che Stizanin, dopo che il vigile era stato travolto e ucciso, mentre i due cercavano di fuggire a un controllo, aveva disincagliato la bicicletta di Savarino dall'auto e aveva nascosto la vettura parcheggiandola tra le altre in sosta. Poi aveva accompagnato Nikolic all'estero e si era reso irreperibile.

Al suo arrivo a Fiumicino, Stizanin è stato preso in consegna dalla Polizia di Stato e portato alla Casa circondariale di Rebibbia.

Leggi tutto