Nuovi sbarchi in Sicilia: "Due morti durante la traversata"

1' di lettura

Proseguono i soccorsi al largo delle coste. Un uomo e un bambino somali avrebbero perso la vita al largo di Lampedusa a bordo di un gommone affondato e soccorso dalla Marina. Napolitano: "Massima attenzione a integrazione"

Due migranti, tra cui un bambino, sarebbero morti durante la traversata tra le coste nordafricane e la Sicilia. Lo hanno riferito, una volta giunti a Lampedusa, i 103 somali soccorsi in nottata prima dal motopesca Atlantide e successivamente dal pattugliatore Libra della Marina Militare. Tra i migranti, anche 29 donne, di cui una in stato di gravidanza.
I naufraghi a bordo di un gommone poi affondato, sono stati assistiti dal motopeschereccio Atlantide per primo giunto in loro soccorso. La nave della Marina Militare ha poi ripreso la navigazione ed è giunta alle 02.00 circa di giovedì 8 agosto in prossimità dell'isola di Lampedusa dove i migranti sono stati trasferiti a terra tramite la motovedetta CP 303 della Capitaneria di Porto che ha terminato le operazioni all'alba.

Napolitano: "Massima attenzione a integrazione" - La notizia dell'ultimo incidente in mare arriva mentre continuano gli sbarchi ormai incessanti sulle coste meridionali dell'Italia e nelle stesse ore dell'ultimo messaggio di Napolitano, che ha reso omaggio alle vittime di Marcinelle, nel 57esimo anniversario, ricordando che "la commemorazione delle 262 vittime deve costituire potente richiamo ad una riflessione ancora attuale sui temi della piena integrazione degli immigrati così come su quelli della sicurezza nei luoghi di lavoro". Il Presidente della Repubblica, nel suo messaggio, sottolinea anche che "il concreto accoglimento di queste istanze umane e civili e la piena affermazione di questi diritti fondamentali debbono essere perseguiti con la massima attenzione dalle istituzioni e da tutte le forze sociali".

Leggi tutto