Il Csm apre una pratica sul giudice Esposito

Il giudice Antonio Esposito (getty images)
1' di lettura

Dopo l'intervista pubblicata dal Mattino, il Consiglio ha aperto un fascicolo sul giudice che ha condannato Berlusconi, così come chiesto dai membri laici del Pdl. Il quotidiano pubblica un estratto audio del colloquio. Il magistrato: "Parole manipolate"

Il Consiglio superiore della Magistratura ha disposto l'apertura di una pratica sulle dichiarazioni rilasciate al quotidiano Il Mattino dal magistrato Antonio Esposito, uno dei giudici supremi che hanno confermato nei giorni scorsi la condanna dell'ex premier Silvio Berlusconi per frode fiscale. Lo ha annunciato un comunicato dello stesso Consiglio.

La richiesta dei membri laici del Pdl
- I tre membri laici - cioè non giudici - del Csm, in quota Pdl, avevano chiesto ieri 6 agosto l'apertura di un accertamento disciplinare, nei confronti del presidente della Corte di Cassazione Antonio Esposito, dopo che  Il Mattino aveva infatti pubblicato alcune dichiarazioni, smentite in parte dal giudice, sulle motivazioni del processo sui fondi neri Mediaset.

Le polemiche
- Le dichiarazioni di Esposito - che ha poi negato di aver risposto a domande specifiche sull'ex premier e ha affermato di non essere entrato nel merito del verdetto - hanno provocato una forte reazione da parte degli avvocati di Berlusconi e del Pdl. L’intervista è stata giudicata "inopportuna" anche dal primo presidente della Cassazione, Giorgio Santacroce.

L'audio dell'intervista
- Il quotidiano napoletano, dopo le accuse del giudice al giornale di aver manipolato le sue parole, ha pubblicato sul sito un breve estratto audio della registrazione dell'intervista. In una nota Esposito ha però precisato che "il giornalista nel riportare nell'articolo pubblicato il colloquio con il dr. Esposito circa il tema generico se un imputato può essere condannato sulla base del principio 'non poteva non sapere', ha fittiziamente inserito nell'articolo la domanda che, per come risulta dalla registrazione mandata in onda, non è stata mai rivolta al dr. Esposito: 'Non è questo il motivo per cui si è giunti alla condanna? E quale è allora?".

Leggi tutto