Weekend bollente in Italia: fino a 40 gradi in diverse città

1' di lettura

Il Ministero della Salute: livello più alto di allerta in 14 centri, sconsigliato uscire nelle ore calde a bambini e anziani. A Milano attivo un numero verde, a Roma al via la distribuzione gratuita di acqua. LE PREVISIONI

Fine settimana caldo non solo per chi si è messo in viaggio in automobile per raggiungere le località di villeggiatura, ma anche per chi resta in città.
Questa volta l'afa è iniziata a Nord ma è già arrivata al Sud dove - secondo i meteorologi - si sfioreranno anche i 40 gradi a causa dell'asfalto bollente delle città che rende la situazione ancora più insopportabile (LE PREVISIONI).
Il ministero della Salute - come di consueto nei mesi caldi - ha diramato il bollettino di previsione allarme. In particolare, domenica sono 14 le città contrassegnate con il bollino rosso, il livello più alto di allerta che sconsiglia di uscire nelle ore calde a bambini ed anziani.

Numero verde a Milano - Domenica si salvano solo i cittadini catanesi e baresi che - secondo la tabella del Ministero - avranno temperature nella norma. Va peggio a Milano dove, in questi caldi giorni, all'Idroscalo è scattato il divieto di fare grigliate e barbecue, mentre domenica (quando Milano sarà bollino rosso e si raggiungerà il picco di 38 gradi) e lunedì 29, il Comune ha messo a disposizione un numero verde gratuito (800.777.888) attivo 24 ore su 24 e sette giorni su sette e può essere utilizzato per avere informazioni su come affrontare il gran caldo, richiedere interventi, ma anche segnalare persone anziane in difficoltà.

I servizi a Roma - Provvedimenti contro l'afa anche nella capitale che raggiungerà il suo picco domenica, come confermato nel bollettino della Protezione Civile, è operativo il piano per la distribuzione di acqua nelle stazioni metro nelle ore più calde, mentre il programma 'Viva gli Anziani!' promosso dalla Comunità di Sant'Egidio e sostenuto dalla Regione Lazio, intensifica la sua attività di monitoraggio per gli anziani ultra75enni soli e in condizioni di particolare fragilità.

Leggi tutto