Terremoto tra Massa e Lucca: danni alle case in Lunigiana

1' di lettura

Epicentro del sisma di magnitudo 5.2 tra i paesi di Fivizzano e Minucciano. La scossa è stata avvertita anche a Milano, Torino, Verona, Genova, Bologna e Firenze. Nessun ferito IL LIVE BLOGGING

Intorno alle 12.33 una scossa di terremoto di magnitudo 5.2 e profondità di 5,1 km è stata registrata tra le province di Massa e Lucca. (Qui le prime immagini. Fonte: YouReporter). I comuni prossimi all'epicentro sono stati Minucciano, Fivizzano, Fosdinovo e Casola Lunigiana. Il sisma è seguito dal cosiddetto sciame sismico, una serie di scosse di intensità inferiore, con magnitudo tra 2.2 e 3.1, come si legge sul profilo Twitter dell'Ingv (Istituto nazionale di geologia e vulcanologia).


Danni in Lunigiana - In Lunigiana al momento non risultano persone ferite. La precisazione arriva dal presidente della Provincia di Massa Osvaldo Angeli che si trova nella sala operativa della Protezione civile dove in un primo momento si era parlato di un ferito a Posterla. Continuano invece ad arrivare segnalazioni di danni alle abitazioni soprattutto nelle località di Casole e di Fivizzano. Non ci sarebbero tuttavia crolli di abitazioni ma solo danneggiamenti.

Reggio, evacuata l'aula dove parlava il ministro Idem - La terra ha tremato anche in Emilia Romagna, Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia e il terremoto è stato avvertito anche a Torino, Milano, Bergamo, Gorizia, Padova, Verona, Genova, Bologna, Livorno, Firenze e in Versilia. La scossa, inoltre, ha interrotto l'incontro che era in corso a Reggio Emilia con il ministro dello Sport Josefa Idem. La sala Tricolore, dove il ministro era ospite d'onore a un convegno nell'ambito del festival sulle pari opportunità è stata subito evacuata. GUARDA IL VIDEO

Scosse di assestamento - Le prime scosse di assestamento, verificatesi dopo il sisma di 5.2, hanno avuto magnitudo 3.1 (alle ore 12.39); magnitudo 2.6 (alle 12.46); magnitudo 2.2 (alle ore 12.50); magnitudo 2.3 (alle ore 13.02). Tutte con epicentro Fivizzano (Massa Carrara), e con una profondità da 1,2 a 8,7 chilometri.
Lo scorso anno, forti scosse di terremoto di magnitudo 5.8 e 5.9 a distanza di pochi giorni in Emilia Romagna provocarono 26 vittime e danni per miliardi di euro (Lo speciale).

IL LIVE BLOGGING (qui il link per il mobile)

Leggi tutto