Maturità, secondo giorno. Quintiliano al classico

1' di lettura

Dopo il tema d'italiano tocca alle prove specifiche per ogni istituto. La versione di latino è il brano "Omero maestro di eloquenza" tratto dalla Institutio Oratoria dell'autore romano. Matematica allo scientifico

Dopo la prova di italiano ieri, i 491.491 candidati (22.576 esterni) della Maturità 2013 hanno affrontato il secondo scritto (qui tutte le prove). Anche questo, come il primo, è predisposto dal ministero, ma cambia da indirizzo a indirizzo. Ha come obiettivo quello di accertare che il candidato abbia specifiche conoscenze relative al corso di studi frequentato.

Le prove
- Quest'anno gli studenti si sono cimentati con Latino al Classico, Matematica allo Scientifico, Lingua straniera al Linguistico, Pedagogia al Pedagogico, Disegno geometrico, Prospettiva, Architettura all'Artistico. Per gli istituti tecnici e professionali sono state scelte materie che, oltre a caratterizzare i diversi indirizzi di studio, hanno una dimensione tecnico-pratico-laboratoriale.

Quintiliano al classico, matematica allo scientifico - La versione di latino per i maturandi è il brano "Omero maestro di eloquenza" tratto dall"Institutio Oratoria' di Marco Fabio Quintiliano. Si tratta di un passo tratto dalla maggiore opera di Quintiliano, e l'unica a esserci pervenuta interamente. Opera "stranota e studiata ma non facilissima, con riferimenti non scontati alle opere di Omero e anche qualche termine tecnico", come ha fatto notare il latinista Leopoldo Gamberale. I maturandi dello scientifico si sono trovati davanti problemi con funzioni e un nutrito questionario che spazia dalla matematica alla geometria. Al Linguistico gli studenti si sono cimentati con una traduzione da Il Grande Gatsby di Francis Scott Fitzgerald.

Le prove negli istituti tecnici - I periti elettronici si sono confrontati invece con la progettazione di un sistema di monitoraggio delle condizioni chimico-fisiche di un allevamento ittico, mentre ai ragionieri è toccato cimentarsi con la solita redazione di bilancio e nota integrativa nonché relazione sulla situazione economica finanziaria di una azienda che, alla fine del 2011, era in condizioni di obsolescenza e quindi nel 2012 ha deciso di investire per ammodernarsi. Il problema del taglio degli investimenti all'Istruzione a causa della crisi è l'argomento di una traccia a scienze sociali, mentre la progettazione di sistema di biglietteria online per modernizzare un grande museo ha impegnato gli studenti di informatica.

I divieti - Naturalmente è stato vietato l'uso di telefonini, palmari pc e affini. In classe sono stati ammessi soltanto dizionari di lingua e calcolatrici non programmabili.

I numeri - Gli studenti interni sono 468.915, gli esterni 22.576. I  candidati nelle scuole statali sono 441.287, nelle paritarie 50.204.  Le commissioni, composte da tre membri esterni e tre interni, sono  12.244. Dai dati trasmessi fino ad oggi dalle scuole, quindi non definitivi, la percentuale degli ammessi all'esame e' pari al 95,1%; i non ammessi, di conseguenza sono il 4,9%.

Leggi tutto