Sabelli, Anm: "Contro procura di Milano attacchi scomposti"

1' di lettura

Il sindacato dei magistrati risponde al Pdl dopo le critiche alla requisitoria del processo Ruby Bis: "I pm seguono solo la legge". Cicchitto: "I giudici si comportano come un partito politico"

Dopo le dichiarazioni di Silvio Berlusconi, che aveva parlato di "patologia giuridica" in merito alla requisitoria del pm Antonio Sangermano al processo Ruby bis contro Nicole Minetti, Lele Mora ed Emilio Fede, l'Anm, il sindacato dei magistrati, scende in campo per difendere la procura milanese. "Si rinnova il campionario di attacchi scomposti" ha infatti dichiarato il presidente dell'associazione dei magistrati, Rodolfo Sabelli.

Sabelli: "La magistratura è soggetta solo alla legge" - "L'Anm ribadisce 'il sostegno e la fiducia in una giustizia serena e indipendente che non si lascia condizionare né intimidire - ha aggiunto Sabelli rispondendo ai giornalisti a margine del Comitato direttivo centrale dell'Anm - ma che conserva serenità nel rispetto rigoroso della legge". "Solo alla legge - ha ribadito Sabelli - la magistratura è soggetta". Il numero uno del sindacato delle toghe ha ricordato come "di fronte agli attacchi la magistratura milanese ha sempre mantenuto un atteggiamento composto, senza mai assumere risposte che potessero suggerire la benché minima mancanza di serenità e rispetto per le regole".  Sabelli ha poi spiegato che "si attacca una requisitoria, ma il pm fa quello che dice la legge: ricorda gli elementi di prova e formula le proprie richieste". "Sono attacchi infondati - ha detto il leader del sindacato delle toghe - che vanno respinti. Un conto è la critica, un conto sono gli attacchi".

Critiche dal Pdl - Immediate le repliche da parte del Pdl. Daniela Santanché, in una nota, si chiede "se è vero che la magistratura solo alla legge è soggetta, che bisogno ha di organizzarsi in correnti? Come mai solo in Italia parte della magistratura si comporta come un soggetto politico vero e proprio?". Secondo Fabrizio Cicchitto "l'Anm, rispondendo alle critiche alla requisitoria svolta ieri dal pm Antonio Sangermano, squalificate tutte come scomposte si trasforma in una sorta di partito politico dei giudici e conseguentemente mette in essere una situazione nella quale c'è un blocco unitario dei magistrati". Renato Brunetta, presidente dei deputati del Pdl, in una nota afferma: "Il presidente dell'Anm fa l'avvocato e il sindacalista d'ufficio dei pm di Milano, gareggiando in fantasia con loro. Dire come fa Sabelli che nei processi in corso è all'opera una 'giurisdizione serena e indipendente' significa pretendere di far credere agli italiani che gli asini volano".

Leggi tutto