Ilva, il gip: guadagni accumulati a scapito dei tarantini

1' di lettura

Dopo il maxi sequestro da 8 miliardi di euro alla famiglia Riva, si riunisce il Cda. La società avrebbe risparmiato non adeguando gli impianti alle norme ambientali e pregiudicando la salute dei cittadini

Il 22 maggio, il sequestro del patrimonio personale dei Riva per 1,2 miliardi di euro perché frutto, secondo la procura e il gip di Milano, di frode fiscale, truffa allo Stato e riciclaggio. Il 24 maggio, una mannaia da 8,1 miliardi di euro sui beni e le disponibilità economiche e finanziarie della Riva Fire (Finanziaria industriale Riva Emilio) spa, che controlla l'Ilva di Taranto. Una cifra equivalente alle somme che nel corso degli anni l'Ilva avrebbe risparmiato non adeguando gli impianti del Siderurgico, e in particolare quelli dell'area a caldo, alle normative ambientali, pregiudicando l'incolumità e la salute della popolazione.
Il gip di Taranto, Patrizia Todisco, parla di guadagni accumulati ai danni dei tarantini. L'ipotesi è associazione a delinquere finalizzata alla commissione di diversi reati ambientali legati alle attività dell'Ilva di Taranto. Ora si attende il Consiglio di amministrazione dell'Ilva che si riunisce per "decidere sulle iniziative conseguenti".

Pervicace omissione di misure per la sicurezza -
La mancata attuazione di un modello organizzativo e gestionale adeguato alla complessità dell'azienda, scrive il gip riportando un passaggio della richiesta dei pm, "ha rappresentato concausa non trascurabile in relazione agli infortuni" verificatisi negli ultimi mesi in fabbrica, tre dei quali mortali. E ancora: Ilva e Riva Fire hanno ottenuto un "ingentissimo risparmio economico attraverso la intenzionale, pervicace omissione, nell'esercizio dell'attività produttiva industriale, degli onerosi interventi - misure di sicurezza, prevenzione e protezione dell'ambiente e della pubblica incolumità - che le norme dell'ordinamento, i vari Atti d'intesa stipulati con gli enti pubblici e i provvedimenti delle autorità competenti imponevano di eseguire".

Leggi tutto