Sequestro Spinelli, 8 anni e 8 mesi al capobanda Leone

1' di lettura

Il pm aveva chiesto 16 anni. Condannati anche i tre complici, con pene fino a 6 anni e 8 mesi. Il gup di Milano ha derubricato il reato da sequestro a scopo di estorsione a sequestro semplice in continuazione con violenza privata

Il gup di Milano Chiara Valori ha condannato a 8 anni e 8 mesi di reclusione Francesco Leone, ritenuto il regista del sequestro lampo del ragioniere Giuseppe Spinelli - stretto collaboratore dell'ex premier Silvio Berlusconi - e della moglie, avvenuto nell'abitazione di Bresso della coppia nella notte tra il 15 e il 16 ottobre scorso.
Lo riferiscono fonti giudiziarie, precisando che gli altri tre imputati - tutti albanesi ritenuti membri della banda che ha messo a segno il sequestro - sono stati condannati a pene tra i 4 anni e otto mesi e i 6 anni e otto mesi.

Il sequestro Spinelli non fu a scopo di estorsione - Nell'infliggere le quattro condanne, il gup di Milano Chiara Valori ha derubricato l'accusa iniziale di sequestro a scopo di estorsione in sequestro semplice in continuazione con la violenza privata. Questo, spiega, perché le condanne siano dimezzate rispetto alle richieste del pm Paolo Storari che aveva sollecitato una pena a 16 anni e 8 mesi per Leone. Il gup, che ha condannato Francesco Leone, ritenuto capo della banda a 8 anni e 8 mesi, ha inoltre stabilito le pene accessorie di un anno di casa di lavoro per il pregiudicato barese, mentre gli altri tre condannati, tutti cittadini albanesi, verranno espulsi a pena espiata. Leone e altri due condannati hanno inoltre versato 14.500 euro - su proposta di Berlusconi e Spinelli - in beneficenza al Centro di aiuto alla vita ambrosiana.

La ricostruzione - Secondo la ricostruzione della polizia, la banda che ha rapito Spinelli e la moglie sosteneva di essere in possesso di documenti in grado di ribaltare, a favore di Berlusconi, la sentenza di appello del processo sul Lodo Mondadori, e di volerli cedere all'ex-premier in cambio di 35 milioni di euro utilizzando la coppia come intermediari per mettersi in contatto con lui.

Leggi tutto