Attentato Brindisi, il pm chiede l'ergastolo per Vantaggiato

1' di lettura

La richiesta del procuratore per il reo confesso dell'attentato all'Istituto Morvillo Falcone del 19 maggio 2012 in cui perse la vita Melissa Bassi: "C'era una finalità terroristica, non voleva essere un atto dimostrativo"

Condanna all'ergastolo, con isolamento diurno di tre anni. E' questa la pena  chiesta per Giovanni Vantaggiato dal procuratore della Dda di Lecce, Cataldo Motta, al termine della requisitoria del processo per l'attentato all'istituto Morvillo Falcone di Brindisi del 19 maggio 2012.
"C'era una finalità terroristica nella preparazione e realizzazione dell'attentato del 19 maggio alla scuola Morvillo di Brindisi", ha detto il procuratore Motta, nel corso della sua requisitoria, illustrando tecnicamente le modalità con cui si può configurare l'aggravante della finalità terroristica, presente nel codice penale ormai da quaranta anni, e definita "inequivoca".
Il magistrato ha quindi passato in rassegna un'ampia giurisprudenza finalizzata a dimostrare come, nel caso specifico, l'aggravate della finalità terroristica possa essere applicata anche al reato di strage contestato a Giovanni Vantaggiato.

La difesa: "Voleva essere un atto dimostrativo" - Motta ha, inoltre, contestato la tesi difensiva dell'avvocato Franco Orlando, ribadita dallo stesso Vantaggiato nel corso dell'esame avvenuto in aula il 2 maggio, secondo cui il posizionamento degli ordigni davanti alla scuola fu un atto puramente dimostrativo, precisando che "la sua finalità era invece quella di creare il terrore e di intimidire la popolazione".
La contestazione dell'aggravante, ha spiegato il procuratore, "non aggrava la determinazione della pena nel caso in cui il reato per cui avviene la condanna preveda già l'ergastolo" ma è stata utile "nel corso delle indagini preliminari" e per imporre "limitazioni durante la custodia cautelare".
Inoltre se la Corte in caso di condanna riconoscesse la validità della finalità terroristica darebbe sostegno ad una più dura aggressione patrimoniale dei beni dell'imputato.

Leggi tutto