Genova, in un video le immagini dell’incidente al porto

1' di lettura

Il filmato, un’esclusiva di Rai Tre Liguria, mostra la torre dei piloti che prima oscilla, poi crolla dopo esser stata colpita in pieno dalla nave Jolly Nero. La Procura ha acquisito le riprese. Intanto, continuano le ricerche del disperso

La torre prima oscilla leggermente poi si abbatte: rasa al suolo dalla Jolly Nero che di poppa la colpisce in pieno. Sono le immagini di un video dell'incidente al porto di Genova riprese da una videocamera collocata in un punto alto, probabilmente da via Aurelio Saffi, strada privata che corre alta sul porto. Il filmato è stato trasmesso in esclusiva da Rai Tre Liguria: 15 secondi in cui si vede chiaramente la portacontainer travolgere la torre di controllo della Capitaneria. Il video “conferma le ricostruzioni del primo momento. Si confermano le condizioni ottimali della manovra. E’ impressionante come la nave sia stata in corrispondenza della torre e poi si nota la forza con cui ha continuato ad indietreggiare perché non è entrata la marcia avanti. L’impatto è stato violentissimo” ha commentato a SkyTG24 il presidente dell’Autorità portuale di Genova Luigi Merlo.

Il video è stato acquisito dalla Procura di Genova, che ha confermato che l'ipotesi su cui si sta lavorando sul fronte delle indagini è quella di un guasto alle strumentazioni della nave. Si vuole fare chiarezza sia sul funzionamento dei motori, sia sul contagiri e sulle strumentazioni di comunicazione (tra plancia di comando e sala macchine, tra plancia di comando e rimorchiatori, tra plancia di comando e torre di controllo). Si ipotizza che comandante e pilota non si rendessero conto della velocità con la quale stava procedendo la nave. Di certo qualcosa non ha funzionato e, di conseguenza, durante la manovra non sarebbe stata percepita la potenza data dal motore. Inoltre la nave avrebbe avuto un'altra avaria, questa volta nel telegrafo, cioè la barra che viene adoperata per dare impulso al motore nelle varie fasi (avanti, indietro o fermo). Si tratta di dati che sarebbero stati forniti preliminarmente dopo i sopralluoghi dei periti nominati dalla Procura di Genova. "L'avaria al motore della Jolly Nero resta una delle concause dell'incidente - ha dichiarato nella mattinata del 13 maggio il procuratore capo, Michele Di Lecce, a margine di un convegno - Stiamo procedendo con gli accertamenti tecnici sulle apparecchiature informatiche ripescate nei giorni scorsi dai sommozzatori".

Leggi tutto