Milano, prende a picconate i passanti: un morto, due gravi

1' di lettura

Un 31enne aggredisce 5 persone, uccidendo un uomo di 40 anni e facendo 4 feriti, due dei quali in gravi condizioni. Fermato l'aggressore. Matteo Salvini: "I clandestini che il ministro Kyenge vuole regolarizzare ammazzano a picconate"

Mattina di follia a Milano dove un uomo di 31 anni, originario del Ghana, ha aggredito a colpi di piccone cinque passanti uccidendone uno e ferendone due gravemente. Altre due persone sono state ferite in modo più lieve. Le aggressioni sono iniziate in via Adriatico, zona Niguarda, attorno alle 6.30 di questa mattina, sabato 11 maggio.

La dinamica dell'aggressione - L'aggressore ha colpito un uomo di 64 anni alla testa ferendolo in maniera grave. Subito dopo è andato in piazza Belloveso dove si è scagliato contro un uomo di 40 anni, morto poco dopo a causa delle gravi ferite riportate alla testa. In seguito è andato in via Monte Rotondo dove ha colpito un ragazzo di 21 anni alla nuca e alla schiena ferendo anche lui in maniera grave. Nel corso della sua sua folle corsa l'uomo ha ferito in modo lieve anche altre due persone. I passanti hanno tentato di fermarlo e hanno chiamato i carabinieri che sono intervenuti e l'hanno arrestato quando aveva in mano ancora il piccone. Secondo le testimonianze l'aggressore avrebbe colpito le sue vittime con una folle ferocia, insistendo a colpirli anche quando erano già riversi a terra.

L'aggressore era stato espulso
- Portato in caserma per controlli, l'uomo non aveva documenti con sé, ma i carabinieri hanno potuto accertare la sua identità attraverso le impronte digitali. Si tratta di un ghanese di 31 anni, che ha precedenti per resistenza, rapina, furto e stupefacenti. Era stato foto-segnalato nel 2011, in Puglia, e intimato all'espulsione. L'accusa nei suoi confronti è di omicidio e duplice tentato omicidio. In evidente stato di agitazione, parla in un inglese stentato.

Gravi due feriti - Prima di allontanarsi dalla scena dell'aggressione l'omicida ha portato via cellulari e portafogli, ma secondo gli investigatori è poco probabile che una tale violenza si possa inquadrare con un movente legato alla semplice rapina. Dei feriti, i due più gravi si trovano in condizioni critiche, il 64enne all'ospedale di Niguarda e il 21enne al Policlinico. Gli altri due invece si sono fatti medicare al pronto soccorso senza avvertire il 118.

Salvini: "Kyenge istiga alla violenza"
- Polemico il commento di Matteo Salvini, segretario lombardo della Lega Nord: "I clandestini che il ministro di colore vuole regolarizzare ammazzano a picconate: Cecile Kyenge rischia di istigare alla violenza nel momento in cui dice che la clandestinità non è reato, istiga a delinquere".

Leggi tutto