Pasqua con pioggia e tempo instabile, in calo le partenze

1' di lettura

Il maltempo e la crisi condizionano il ponte degli italiani: la maggior parte resterà a casa o nei dintorni. Coldiretti: meno prenotazioni in hotel e ristoranti. Meteo, prevista una breve tregua al Centro Sud per Pasquetta

Piogge, temporali, ma anche qualche sprazzo di sole (PREVISIONI): sarà una Pasqua instabile a livello meteorologico, specie al Nordest e al Centro, mentre andrà meglio altrove (Abruzzo, basso versante adriatico e isole maggiori), anche se non sono escluse isolate precipitazioni. A Pasquetta, invece, è prevista una breve tregua al Centrosud e un peggioramento entro la sera, nell'insieme variabilità e qualche pioggia al Nord. Da Ovest dovrebbe infatti arrivare una perturbazione che porterà piogge tra il pomeriggio e la sera a partire dai settori occidentali.
Gli italiani si preparano dunque ad affrontare il ponte di Pasqua, anche se la primavera non si è ancora vista. E a peggiorare le aspettative sono anche la crisi economica e il calendario, che ha fatto sì che la Pasqua, quest'anno, cada particolarmente presto, non inducono gli italiani a prenotare un viaggio per “staccare la spina”.

Coldiretti: niente vacanze per più della metà degli italiani - Sono pochi, quindi, coloro che quest'anno si concederanno un viaggio e chi lo farà rimarrà in Italia o, al massimo, si concederà un fine settimana lungo in una capitale europea o in una località di montagna. Secondo Coldiretti più della metà degli italiani non trascorrerà nemmeno una notte fuori casa durante il ponte.
Sul fronte degli arrivi di stranieri, invece, l'elezione del Papa, il fascino delle città d'arte italiane (GALLERY) e il fatto che in molte località montane anche in questi giorni siano caduti i fiocchi di neve, hanno facilitato gli arrivi nelle più note città italiane, Roma in testa, ed in alcune note località di montagna come Cortina per i quali si parla di un +8% di presenze e una crescita del fatturato intorno al 5%. Il fatto che la Pasqua cada in marzo, dunque anticipatamente rispetto al solito, "sta comportando un incremento delle prenotazioni sul prodotto neve che, rispetto al 2012, segna qualche punto percentuale in più", fa notare il presidente di Astoi Confindustria Viaggi, Nardo Filippetti.

Gli italiani in partenza (video):

Leggi tutto