Sanità lombarda, 7 arresti per corruzione

1' di lettura

La Dia di Milano ha eseguito perquisizioni e arresti nell'ambito di un'indagine su appalti e forniture di aziende ospedaliere della Lombardia. In manette anche l'ex direttore de La Padania Leonardo Boriani e l'ex consigliere regionale Guarischi

La Direzione Investigativa Antimafia di Milano, nell'ambito di una indagine su episodi di corruzione connessi ad appalti e forniture di aziende ospedaliere della Lombardia, ha eseguito numerose perquisizioni, anche all'estero, e arresti presso abitazioni, imprese e strutture sanitarie lombarde in altre regioni.

"Sì è fatta luce sul pagamento di tangenti per appalti di forniture a varie aziende ospedaliere della regione - spiega a SkyTG24 il Capo centro Dia di Milano Alfonso Di Vito - gli indagati sono una ventina, sette sono stati arrestati e sono in corso più di 50 perquisizioni". (ASCOLTA L'AUDIO)

Tra gli arrestati c'è Leonardo Boriani, giornalista, ex direttore de La Padania. In carcere tre imprenditori e l'ex consigliere regionale lombardo Massimo Guarischi. Oggetto di una perquisizione è stato invece Carlo Lucchina, il direttore generale dell'assessorato alla Sanità.
Tra le aziende ospedaliere coinvolte il San Paolo di Milano, l'Istituto nazionale tumori e l'Asl di Cremona e quella della Valtellina e della Valchiavenna di Sondrio.
L'inchiesta è una costola di quella sulle infiltrazioni della criminalità organizzata alla Asl di Pavia.

Leggi tutto