Yara: per il gip Fikri non ha ucciso, ma resta indagato

1' di lettura

A due anni dal suo arresto, è stato archiviato il fascicolo a carico dell'immigrato per l'omicidio della 13enne di Brembate Sopra. Il giudice per le indagini preliminari ha però disposto che il pm lo iscriva nel registro degli indagati per favoreggiamento

Il gip di Bergamo ha archiviato la posizione di Mohamed Fikri per l'omicidio di Yara Gambirasio, la 13enne di Brembate Sopra rapita e uccisa il 26 novembre 2010 e ritrovata senza vita 3 mesi dopo. Il giudice delle indagini preliminari ha però disposto che il pm iscriva l'uomo nel registro degli indagati con l'accusa di favoreggiamento personale.

Ancora dubbi sulla telefonata - Dopo oltre due anni dal suo arresto e a quattro giorni dalla chiusura delle indagini sull'omicidio di Yara Gambirasio, resta ancora controversa la figura dell'immigrato di origini marocchine. Forse per i dubbi che secondo alcuni rimangono sulla telefonata la cui intercettazione lo aveva portato in prigione il 4 dicembre 2010: si pensa che l'uomo, pur non coinvolto direttamente nel delitto, possa sapere più di quanto dica.

Il difensore: "Sarà archiviato anche questo fascicolo" - Per il difensore di Fikri, Roberta Barbieri, l'archiviazione per le accuse di omicidio "è una vittoria" e anche l'indagine per favoreggiamento "sarà inevitabilmente destinata anch'essa all'archiviazione", perché dalle indagini "non è emerso alcun tentativo di favoreggiamento" da parte di Fikri "nei confronti qualcuno".

Leggi tutto